Cantarella (Lega): "Alla Sicilia e al Sud servono meno lamentele e più idee" :ilSicilia.it

sulla desertificazione economica e sociale del Sud

Cantarella (Lega): “Alla Sicilia e al Sud servono meno lamentele e più idee”

di
3 Agosto 2019

Fabio Cantarella, responsabile enti locali della Lega in Sicilia e assessore della giunta Pogliese a Catania, sui dati Svimez: “La retorica lamentosa di alcuni amministratori meridionali non può essere la risposta ai dati sulla desertificazione economica e sociale del Sud e della Sicilia. Il Mezzogiorno ha certamente bisogno di un’attenzione particolare ma è giusto che anche da queste parti si cambi stile e si cominci a lavorare sodo e con strategia e non a vivacchiare“.

Ho grande stima del presidente Musumeci – continua Cantarella – e sul divario tra Nord e Sud dice anche delle cose sacrosante ma dubito che la strategia adatta sia quella di fare il giro delle tv o dei giornali per denunciare quello che già sappiamo o dare la colpa a questo o quel governo. E’ un copione di un certo vecchio meridionalismo che non ha mai portato a nulla“.

Il Governo Conte – sottolinea l’esponente del Carroccio – grazie soprattutto all’impegno dei ministri e sottosegretari della Lega è intervenuto più volte in Sicilia per affrontare gravi emergenze e per rimediare ai disastri dei governi regionali passati dall’altra però vedo un’Assemblea regionale praticamente ferma, impantanata in un’eterna sessione di bilancio, e un governo regionale che a quasi due anni dall’insediamento si limita a non fare male. Di riforme e di piani purtroppo nessuna traccia“.

Alla Sicilia e al Sud servono meno lamentele e più idee, meno polemiche e più cooperazione. Le risorse servono eccome ma spesso ci sono, come nel caso dei fondi Ue, ma non si riescono a spendere bene e velocemente. Anche in questo bisogna cambiare” conclude Cantarella.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.