20 Settembre 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.49
Catania

Parla l'assessore del Carroccio

Cantarella (Lega): “Irresponsabile l’atteggiamento di Miccichè su Catania” | VIDEO INTERVISTA

13 Maggio 2019

 

Guarda la video intervista in alto

Fabio Cantarella, assessore al comune di Catania, leghista, parla ai nostri microfoni della città etnea e del dissesto, con la grave situazione debitoria del comune, ma anche dei tentativi di salvare la città, messi in atto dalla giunta guidata da Salvo Pogliese: “Il dissesto lo abbiamo ereditato dalla vecchia amministrazione Pd, ma come amministrazione comunale abbiamo subito messo in campo energia, ottimismo e voglia di fare. Il sindaco sta facendo di tutto per far rinascere Catania e in questi mesi abbiamo fatto squadra con imprenditori privati e cittadini, che si sono stretti attorno al governo della città”. 

L’esponente della Lega non risparmia una bordata all’indirizzo del presidente Ars Gianfranco Miccichè, reo qualche tempo fa di avere dichiarato irricevibile dal parlamento siciliano l’emendamento che avrebbe rappresentato una sostanziosa boccata d’ossigeno per Catania: “Si gioca con tanta gente che sta soffrendo. Questo ci dispiace: assistere a un balletto così vergognoso – afferma – significa voler far valere la propria forza rispetto a persone che soffrono. Si dovrebbe solamente vergognare. Spero che prevalga il buonsenso e qualcuno faccia ragionare Miccichè”. 

Come aveva fatto nei giorni scorsi anche il commissario regionale della Lega Stefano Candiani, pure l’esponente leghista catanese respinge al mittente il presunto sostegno elettorale al Carroccio da parte dell’ex sindaco di Merssina Francantonio Genovese: “La Lega è unita nel respingere quei soggetti che hanno ridotto la Sicilia in queste condizioni. Quei voti non li abbiamo richiesti e non li vogliamo”.

Infine, alla domanda perchè votare Lega e Matteo Salvini alle prossime elezioni europee, Fabio Cantarella spiega: “I siciliani sono stanchi di quel che hanno visto fino ad ora: sono stati tanti i politici siciliani che hanno preso i voti e poi se ne sono infischiati della propria terra. Noi siamo per la difesa delle tradizioni, dei territori, delle diversità, dei prodotti locali. Occorre votare Lega perchè siamo siciliani e vogliamo che la nostra terra venga prima di ogni altra cosa. Prima i Siciliani”.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I passi di gambero e la regressione nei bambini

La probabilità di ricorrere a meccanismi di difesa regressivi è alta se alla particolare vulnerabilità emotiva del bambino si aggiungono atteggiamenti genitoriali di iperprotezione e di paura fino ad arrivare al baby-talking, per cui il bambino tende a ritirarsi sempre più dal rapporto con l'esterno.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Al vincitore i giri

Non ho mai creduto e accettato i regolamenti che davano tutto il potere ad una sola persona, neanche quando da bambino giocando per strada davamo tutta questa importanza a chi portava il pallone, dando lui la possibilità di decidere chi giocava e in quale delle due squadre
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.