21 Agosto 2019 - Ultimo aggiornamento alle 19.23

Lo sottolinea l'assessore catanese

Cantarella (Lega) sulla lista alle Europee: “Siamo al lavoro per far vincere la squadra”

16 Aprile 2019

“Siamo già tutti a lavoro per far vincere la squadra il prossimo 26 maggio”, a sottolinearlo è Fabio Cantarella, responsabile enti locali della Lega in Sicilia e assessore alla sicurezza al Comune di Catania, commentando la lista presentata per le europee dal Carroccio nella circoscrizione Sicilia e Sardegna.

“Qualcuno – continua Cantarella – mi ha definito un ‘escluso eccellente’ ma chi parla così dimostra di non conoscere me e la Lega”.

“Come tanti altri –  spiega l’assessore leghista – ho dato la disponibilità ad essere in prima linea nella battaglia per cambiare l’Europa, ben consapevole che sarebbe stato poi lo stesso Matteo Salvini a scegliere la formazione più utile da mettere in campo e il ruolo che ogni militante, me incluso, deve svolgere al meglio”.

“I giochi sulle liste li lasciamo agli altri partiti. A noi della Lega appartiene il gioco di squadra, ed io sarò in prima linea per vincere questa partita sostenendo la squadra con tutto me stesso”, conclude Cantarella.

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

Le regole sono fatte per essere eseguite ma anche trasgredite

I piccoli devono, prima di tutto, acquisire la fiducia e la capacità di affidarsi, senza condizioni, ai genitori, anche se rimane un loro sacro e santo diritto essere resi consapevoli dei perché sì e no. I bambini non si trattano da idioti o con eccessive espressioni onomatopeiche, a meno che non si scherzi e giochi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.