Cantiere aperto nel centrodestra, in Sicilia Miccichè e Musumeci scaldano i motori :ilSicilia.it

Si rivede la coalizione che vuole costituire un'alternativa a Salvini

Cantiere aperto nel centrodestra siciliano, Miccichè e Musumeci scaldano i motori

di
25 Settembre 2018

Gianfranco Micciché continua a marcare differenze specifiche, distinguo e distinzioni con l’operato di Matteo Salvini, leader leghista. Lo fa per ribadire le ragioni di una sopravvivenza politica che nell’Isola affondano obiettivamente su basi numeriche e di percentuali maggiori rispetto alle altre regioni.

Lo fa, altresì, probabilmente per “leggere” il gioco degli altri interlocutori della vicenda e protagonisti della politica siciliana nella coalizione. Tra questi il governatore siciliano Nello Musumeci, dispensatore di poche attenzioni a 360 gradi verso i partiti, (Salvini compreso), ma anche in grado oggi di poter parlare con tutti dalla postazione “super partes” di Palazzo d’Orleans

Lo fa infine perché l’appartenenza ritenuta meno residuale in Sicilia a Forza Italia, serve per smarcarsi dall’operato del governo nazionale verso cui, anche le cronache degli ultimi giorni e l’ennesima discesa in campo del Cavaliere, raccontano una storia d’attacco e non di difesa.

Tutto ciò premesso, il tempo gioca dalla parte dei leghisti di Sicilia. I primi, in fondo, a non volere affondare i colpi e stringere i tempi per far  nascere un gruppo della Lega all’Ars. Forse anche in considerazione dei non pochi dossier aperti tra Roma e la Sicilia.

Ieri, inoltre, Nello Musumeci, rispondendo all’appello lanciato da Giorgia Meloni ha così commentato: “Come ho detto più volte il centrodestra non può essere un luogo della geografia politica, ma un patrimonio valoriale tenuto assieme da una comune strategia capace di interpretare oggi più di ieri una larga fascia di italiani. E per farlo occorre in primo luogo partire dal territorio e non dal vertice. Apprezzo le parole e il coraggio con cui Giorgia Meloni ha posto l’accento sulla necessità di rilanciare il desiderio di rifondare il centrodestra, che non sia solo una somma di sigle e personaggi, ma un progetto di governo per l’Italia”

E la palla torna dunque nella metà campo del contenitore ‘centrodestra’, non del partito-coalizione.

Per quanto riguarda infine Forza Italia tra quelli che guardano alla Lega con rinnovato interesse, al di là del margine di rispetto dovuto all’alleato, c’è il sindaco di Catania Salvo Pogliese, oggi più di un semplice outsider.

Sono molte dunque le ragioni che rendono fluido lo scenario e possibili diverse chiavi di lettura.

Potrebbe essere  quindi che l’allergia di stagione del commissario di Forza Italia in Sicilia rispetto alla Lega e a chi la rappresenta, possa curarsi con rimedio adeguato ed efficace.

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.