22 Giugno 2019 - Ultimo aggiornamento alle 13.14
Palermo

Accordo tra Governo e Fincantieri

Cantiere Navale Palermo, Ugl: “Investimento da 75,5 milioni rilancerà l’occupazione”

19 Maggio 2019

Lo scorso 17 maggio 2019 si è tenuto a Palermo un incontro congiunto con i sindacati di categoria e il Presidente dell’Autorità di sistema portuale del mare Pasqualino Monti e il deputato nazionale Adriano Varrica (M5S), componente della commissione Ambiente.

La delegazione Ugl era rappresentata da Francesco Paolo Fasola – Segretario Provinciale Palermo, Filippo Virzì – Portavoce UGL e Antonino Musso – Segretario Provinciale Metalmeccanici.

L’argomento sul tappeto è stato l’investimento del bacino da 150 mila tonnellate del Cantiere Navale ed il piano preannunciato dal vicepremier Luigi Di Maio per l’investimento da 75,5 milioni di euro per il  bacino.

Filippo Virzì
Filippo Virzì

“È un buon inizio, quindi un primo passo necessario – ha dichiarato l’Ugl – condividiamo con l’Autorità portuale che si tratta di un investimento per lo sviluppo e il rilancio dell’occupazione, funzionale in prospettiva al rilancio delle attività in seno a Fincantieri Palermo finalizzata alle costruzioni navali, raccogliamo positivamente l’invito di Monti a procedere insieme in attesa del nuovo progetto e del piano industriale di Fincantieri, auspicandoci in una reale presa di coscienza della Regione Sicilia sull’indispensabile rilancio del Cantiere Navale per l’economia cittadina e regionale”.

 

LEGGI ANCHE:

Palermo diventa un polo per la costruzione di navi da crociera: 75,5 milioni dal Governo

 

Tag:
LiberiNobili
di Laura Valenti

I lupi si travestono da nonne innocue

Il termine pedofilia (dal greco pais, fanciullo, e philìa, amore) dovrebbe significare una predisposizione naturale dell'adulto verso il fanciullo. Attenzioni che, in apparenza, sembrano dettate da amore e dedizione, possono, in realtà, mascherare un'inquietante e distruttiva perversione.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.