Cantiere Nord-Sud, è tutto fermo. L'Ance chiede "operazione verità" :ilSicilia.it

progetti già finanziati

Cantiere Nord-Sud, è tutto fermo. L’Ance chiede “operazione verità”

di
2 Dicembre 2019

L’Ance (Associazione Nazionale Costruttori Edili) interviene relativamente al blocco dei cantieri del tratto C della strada Nord-Sud.

Ance Sicilia pretende da parte del governo nazionale e dell’Anas una “operazione verità” sull’incantesimo che da oltre 20 anni impedisce la realizzazione del tratto C della strada Nord-Sud, nonostante vi siano i fondi, 399 milioni di euro, il progetto esecutivo pronto con i relativi pareri favorevoli e operazioni di esproprio delle aree già eseguite“.

Il tutto è già costato svariate decine di milioni di euro e mai da parte di Anas sono stati sollevati problemi tecnici o finanziari che potessero sconsigliare l’apertura dei cantieri“.

Santo Cutrone

Quindi perché – dice Santo Cutrone, presidente di Ance Siciliasolo oggi Anas dice che l’opera non conviene più perché il traffico si è ridotto? Non ci si può prendere in giro così e per giunta alla presenza del viceministro Giancarlo Cancelleri. Non è credibile addurre la scusa della riduzione del traffico, se lo si misura su una strada vetusta e pericolosa che in buona parte non è più percorribile“.

Tutti oggi cercano percorsi alternativi, anche se più lunghi, per non rischiare la vita. E come mai – si chiede ancora Cutrone – opere come il Mose di Venezia vanno completate ad ogni costo (anche se oggi vengono dichiarate inutili) per non sprecare i soldi già spesi, mentre per la Nord-Sud l’Anas può permettersi di gettare al vento le risorse pubbliche già spese e di privare la Sicilia di questo asse viario fondamentale per la mobilità nell’isola?“.

L’associazione nazionale dei costruttori edili si chiede “quale sia la vera ragione per la quale l’Anas non vuole mettere mano a quest’opera: un disimpegno che è già cominciato durante il governo Crocetta (che dirottò altrove parte delle somme, atto contro il quale pende un ricorso di Ance Sicilia alla Corte dei conti per spostamento di fondi da conto capitale a spesa corrente) e che si completa oggi con la rinuncia al nuovo tracciato a scorrimento veloce, optando per un molto più economico piano di manutenzione del vecchio percorso“.

Ci sono forse problemi geologici o tecnici che impediscono di costruire certi tratti della Nord-Sud? – incalza il presidente di Ance Sicilia -. Perché, se è così, come mai nessuno lo ha detto prima e per 20 anni si è andati avanti spendendo soldi per fare i progetti ed espropriare i terreni? Perché se così non è, l’unica giustificazione che resta è la volontà politica del governo nazionale di dirottare queste risorse verso altre opere nel Nord Italia, volontà alla quale Anas sembrerebbe piegarsi“.

Allora ci chiediamo quale sia la coerenza con le dichiarazioni del governo circa un nuovo impegno per il Sud, se scippa in questo modo risorse alla Sicilia e gli unici fondi che si stanno spendendo sono quelli programmati 10 anni fa per la manutenzione dell’autostrada Palermo-Catania e quelli di Rfi per l’ammodernamento della ferrovia borbonica Messina-Catania-Palermo. Cosa c’è di nuovo da parte di questo governo, se Trapani continua a essere isolata dalla rete ferroviaria e sulle strade ci si può spostare solo dall’Ovest verso l’Est dell’Isola, ma non da Sud verso Nord?“.

© Riproduzione Riservata
Tag:

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Balzebù
di Balzebù

Cancelleri, ma la lista civica non garantisce l’elezione

Il Movimento 5 stelle è ormai un’accozzaglia di correnti. Da un lato Luigi Di Maio, da un altro lato Alessandro Di Battista, da un altro ancora Roberto Fico ed ancora-ancora Paola Taverna. Poi ci sono le sottocorrenti che a loro volta si suddividono in gruppi e sottogruppi. In questo frastagliato mosaico è molto difficile capire dove collocare i pentastellati siciliani, sia quelli eletti al parlamento nazionale che quelli eletti all’Ars.
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Giotto e i Messicani

Non chiedetevi “cosa potete fare per il vostro paese” ma solamente “A cu appartieni?”. Lo scoglio insulare dove si infrange quello che potrebbe essere il nostro "sogno americano".
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin