Cantieri infiniti, ultimatum della Regione al Mise: "Cacci la Cmc dalla Sicilia" :ilSicilia.it
Agrigento

Sulla Agrigento-Caltanissetta e Bolognetta-Lercara

Cantieri infiniti, ultimatum della Regione al Mise: “Cacci la Cmc dalla Sicilia”

di
5 Dicembre 2018

“Quello che avevamo preannunciato più di un mese fa si è puntualmente verificato, la società Cmc, già in grande sofferenza, ha chiesto di accedere al concordato preventivo”. L’assessore regionale delle Infrastrutture, Marco Falcone, dopo le notizie che interessano la grande azienda di costruzioni di Ravenna, impegnata in tre grossi appalti in Sicilia: la SS640 Agrigento-Caltanissetta, la SS121 Palermo-Agrigento (tratto Bolognetta-Lercara Friddi) e la Metropolitana di Catania svolti da Cmc per conto della Ferrovia Circumetnea.

Lo scorso 30 ottobre l’assessorato aveva disposto un’ispezione a sorpresa nei cantieri della SS 640, riscontrando cantieri deserti e “un’ingiustificata battuta d’arresto nei lavori”.

marco falconeEcco cosa scriveva Falcone il 30 ottobre su Facebook: «La società CMC deve essere mandata via dalla Sicilia. Fuori chi vuole bloccare tutto. Ieri (29 ottobre, ndr) a sorpresa abbiamo inviato degli ispettori al cantiere della Agrigento-Caltanissetta. Risultato? A lavoro non c’era nessuno e nessun progresso nell’opera è stato compiuto rispetto a tre mesi fa! L’Anas, gestore della strada, ha un contratto con CMC. Abbiamo chiesto di farlo rispettare. Oggi l’Anas deve stare al fianco della Regione e mandare via un’impresa che sta offendendo la dignità del popolo siciliano. In Italia per opere pubbliche da 100 mln e più ci vogliono in media 10 anni. Non possiamo più sopportarlo!».

TBM Barbara, SS640 [Foto CMC]
TBM Barbara, SS640 [Foto CMC]
Oggi le preoccupazioni dell’assessore non si placano e alza il tiro: “La nostra preoccupazione sull’andamento dei due grossi cantieri siciliani della Cmc, la strada degli scrittori Caltanissetta/Agrigento e la Agrigento/Palermo-Bolognetta, erano fondate e tali lavori vanno adesso maggiormente monitorati, così come occorre un’azione di tutoraggio sui lavori della Metropolitana di Catania svolti da Cmc per conto della Ferrovia Circumetnea”.

“Abbiamo chiesto al Ministero dello Sviluppo Economico di convocare un tavolo tecnico – ha concluso l’assessore Falcone – perché il Governo Musumeci vuole rapidamente capire se ci sono ancora le condizioni affinché Cmc rimanga in Sicilia per completare le opere, o se invece non sia arrivata l’ora, per la società, di passare la mano”.

 

 

LEGGI ANCHE:

Agrigento-Caltanissetta, vertice in assessorato per salvare il cantiere

Blitz sulla Agrigento-Caltanissetta: cantieri deserti. L’Ance: “Musumeci intervenga”

Lavori infiniti sulla Pa-Ag, ispezione della Regione: “Staremo col fiato sul collo”

Lavori infiniti sulla Palermo-Agrigento, ultimatum della Regione

 

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Immagina…

Immagina la “normalità” quale unico “manifesto per il futuro”. Il fallimento di una certa politica sta nel fatto di volerti vendere per straordinario tutto ciò che universalmente sarebbe stato normale.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
La GiombOpinione
di Il Giomba

Andrà tutto bene(?)

È un anno intero, e anche qualcosa di più, che mi sento ripetere questa frase. Ma come faccio a pensare che andrà tutto bene?
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin