Cantone a Taormina: "Io premier? Se mi chiamano Di Maio e Salvini dico no" :ilSicilia.it
Messina

il presidente dell'Anac smentisce i rumors

Cantone a Taormina: “Io premier? Se mi chiamano Di Maio e Salvini dico no”

di
17 Maggio 2018

Io premier del Governo Di Maio-Salvini? No, non c’è nulla di vero in queste voci e se dovessero chiamarmi in qualsiasi caso rifiuterei”. Lo ha detto Raffaele Cantone stamattina a margine di un incontro avuto con circa mille studenti delle scuole al Palazzo dei Congressi di Taormina. La lotta alla corruzione è l’imperativo categorico che Cantone, il presidente dell’Anac (Autorità Nazionale Anticorruzione), intende trasmettere alle nuove generazioni, come afferma nel suo libro “La corruzione spiegata ai ragazzi che hanno a cuore il futuro del loro paese”, scritto in tandem con Francesco Caringella, anch’egli magistrato.

Prima ancora che nelle aule di giustizia, certe piaghe si combattono tra i banchi di scuola e Cantone lo ha ribadito ieri a Taormina nell’evento organizzato da Memora, società di management alberghiero di Italo Mennella, e da Taobuk, il festival letterario ideato e diretto da Antonella Ferrara. Cantone ha ricevuto nell’occasione il Premio Sicilia 2018, assegnatogli dalla Regione (rappresentata dal capo segreteria dell’assessorato ai Beni Culturali, Carmelo Briguglio), su indicazione del presidente della Regione, Nello Musumeci, e degli assessori Sandro Pappalardo e Sebastiano Tusa “per alti meriti civili e la capacità di investigare, in maniera chiara e diretta, cause e risvolti della gravissima emergenza che la corruzione rappresenta”. Su questi nodi, il presidente dell’Anac si è confrontato con Maurizio Caserta, Ordinario di Economia Politica presso l’Università di Catania.

“La corruzione – ha evidenziato Cantone – è diventata un fenomeno sistemico che alberga soprattutto negli appalti pubblici, ma di cui non sono scevri altri settori ed ambiti dell’amministrazione, non solo quelli per certi versi ‘scontati’ delle concessioni ed autorizzazioni, ma anche altri ‘inattesi’, quali quelli delle attività cosiddette sociali affidate al terzo settore“.

Ma Cantone, come detto, ha parlato anche del “toto-premier” in atto a Palazzo Chigi: “Il mio nome non c’è, posso garantire che non sono nella lista degli aspiranti premier. Di Maio e Salvini non mi hanno contattato, e anche se mai dovesse avvenire comunque rifiuterei. Ricopro un altro incarico e non entro nel merito della questione politica. Sui giornali si è fatto il mio nome ma non c’è mai stato alcun fondamento“. Cantone ha comunque evidenziato “la necessità che il Paese possa avere una condizione di stabilità”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin