Caos al canile comunale, sospesi i servizi. Gelarda (M5S): "Continua la cattiva gestione della struttura" :ilSicilia.it
Palermo

Un'agitazione sindacale della Reset blocca i servizi

Caos al canile comunale, sospesi i servizi. Gelarda (M5S): “Continua la cattiva gestione della struttura”

di
2 Novembre 2017

Palermo – E’ sempre polemica sul canile municipale che, adesso, vede sospesi i propri servizi a causa di un’agitazione sindacale dei lavoratori della Reset. Dai ieri, infatti, niente straordinari e attività essenziali. A denunciare l’ennesimo disservizio, che ha visto negli ultimi mesi il canile di Palermo protagonista di una gestione poco ortodossa, è stato il consigliere comunale del M5s, Igor Gelarda in un post sul suo profilo FB.

Non è la prima volta che si parla dei problemi della struttura comunale che ospita i cani randagi. Nei mesi scorsi, forte è stato lo scontro tra Licia Colò, la famosa presentatrice televisiva e l’amministrazione comunale, proprio in tema di trasferimenti degli animali, che il nostro giornale aveva raccontato.

“La situazione è tale – scrive Gelarda nel suo post – per cui terminato il turno mattutino degli operatori del canile, agli animali non vengono somministrate le cure mediche necessarie, oltre che la pulizia degli spazi di ricovero, e non viene effettuato il servizio in esterno di prelievo dei cani incidentati. Alcuni cittadini si sono così ritrovati a dover soccorrere al porto un cane con microchip del Comune, dopo il diniego di intervento da parte del canile”.

Un attacco a tutto tondo contro l’amministrazione comunale che a dire del consigliere del M5s: “essendo a conoscenza da almeno due settimane, non sia intervenuta per individuare delle soluzioni momentanee ed evitare un disservizio di tale entità, che colpisce come al solito i soggetti più deboli e cioè gli animali”.

Gelarda ha anche detto di aver parlato con il capo area del Comune, che gli avrebbe garantito di “aver attivato tutte le procedure per fare riprendere l’assistenza agli animali, dando disposizione per informare l’autorità giudiziaria di ciò che sta accadendo, individuando eventuali responsabilità penali”.

Dunque, una situazione che mette sempre più in risalto come sia precaria, in termini emergenziali, la struttura del Comune. E l’esponente pentastellato, a Sala delle Lapidi, ha anche ribadito di voler monitorare gli sviluppi della vicenda, “e se nelle prossime ore non ci saranno novità, ci rivolgeremo all’autorità giudiziaria per conoscere di chi sono le vere responsabilità della cattiva gestione della struttura”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin