Caos cimiteri a Palermo, Gelarda: "Mille loculi a S. Orsola sono insufficienti e costosi" :ilSicilia.it
Palermo

LA DICHIARAZIONE DEL CAPOGRUPPO DELLA LEGA

Caos cimiteri a Palermo, Gelarda: “Mille loculi a S. Orsola sono insufficienti e costosi”

di
3 Febbraio 2021

Al Consiglio Comunale il sindaco Leoluca Orlando aveva prospettato la disponibilità di ben 5mila loculi al cimitero di Santo Spirito, eppure questi ad oggi si sono ridotti ad appena 1000, disponibili nei prossimi 6 o 7 mesi.

A dirlo è il capogruppo della Lega al Consiglio comunale di Palermo, Igor Gelarda, spiegando che si tratta di “un numero assolutamente insufficiente, considerando che alle 700 salme a deposito oggi se ne aggiungono una media di circa 300 mensili“.

Conti alla mano, tra sei mesi le salme a deposito saranno 2.500 e, quindi, dopo avere speso ben un milione di euro, perché tanto costa al Comune l’acquisto dei mille loculi a Sant’Orsola, rischiamo di averne ancora 1.500 a deposito a giugno – sottolinea l’esponente del Carroccio –. Ma non è tutto. Il costo finale dei loculi a Sant’Orsola è di 1.800 ciascuno, di cui mille pagati dal Comune e 800 dai cittadini. Un costo quasi quattro volte superiore all’inumazione, il seppellimento sottoterra. Quindi molti dei parenti di defunti messi a deposito ai Rotoli potrebbero optare per l’inumazione, meno costosa, e non opzionare nessun loculo al Sant’Orsola. Al momento delle 700 salme al deposito solo per 160 è stata fatta richiesta di sepoltura in loculo. Le altre rischiano di restare nelle tensostrutture abusive“.

Nel frattempo niente sembra muoversi per la risistemazione del vecchio forno crematorio e nessuna notizia neanche sul fronte del nuovo cimitero – dice ancora Gelarda –. Dopo le ennesime chiacchiere, la montagna ha partorito un topolino, in un momento di buio totale, del sindaco Orlando e di tutta la sua amministrazione, che ha costretto Palermo a diventare la città che non riesce neanche a dare la giusta sepoltura ai suoi cittadini“, conclude il leghista.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin