Caos firme, Nuti sospeso dai probiviri si affida ai social. "Questa storia è un contrappeso", ma forse pensava al "contrappasso" | ilSicilia.it :ilSicilia.it
Palermo

Nonostante l'avviso di garanzia il deputato non si era autosospeso

Caos firme, Nuti sospeso dai probiviri si affida ai social. “Questa storia è un contrappeso”, ma forse pensava al “contrappasso”

di
1 Dicembre 2016
⁠⁠Rompe il silenzio Riccardo Nuti, il deputato sospeso dai probiviri dei 5stelle dopo avete ricevuto l’avviso di garanzia nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Palermo sulle firme false per le comunali del 2012. Lo fa dal suo profilo Facebook. “Sono sempre il Riccardo Nuti che a Palermo ha lottato contro un intero sistema di potere, di mafia bianca e nera – scrive – Proprio quell’impegno, senza gloria e arricchimento, mi ha consentito di rappresentare una comunità e una speranza alla Camera dei Deputati. Da parlamentare ho proseguito la battaglia: senza risparmiarmi, esponendomi e facendomi nuovi nemici. Stessa battaglia che ho tentato di portare avanti per le prossime comunali”. Per Nuti “oggi questa storia delle firme è come un contrappeso”. Forse il deputato grillino pensava  alla “legge del contrappasso”?

whatsapp-image-2016-12-01-at-14-09-24
“La mia difesa nel procedimento penale, mio diritto e dovere, proverà che sono estraneo ai fatti – aggiunge – Per il momento accetto in silenzio (presto se ne capirà il motivo) e con fatica quotidiana la gogna e gli insulti compiaciuti che mi piovono da settimane, convinto che le indagini della magistratura confermino la mia coerenza, il mio rigore morale e la mia affidabilità di uomo e politico. Allora sarò lo stesso Riccardo Nuti di sempre, quello che non abbassa mai la testa”. Nuti davanti ai pm si è avvalso della facoltà di non rispondere e non si è autosospeso dal M5s come chiesto dal capo politico Beppe Grillo del movimento a chi fosse stato rinviato a giudizio per il caso delle firme. A sospenderlo sono stati i probiviri del M5s, stesso provvedimento adottato per gli altri deputati indagati, Claudia Mannino e Giulia Di Vita, e per l’attivista Samantha Busalacchi. Si erano invece autosospesi i deputati regionali Claudia La Rocca e Giorgio Ciaccio, che hanno ammesso le proprie responsabilità collaborando con i magistrati.
© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco