Caos Formazione: a rischio lavoratori in esubero, alcuni enti non firmano accordo :ilSicilia.it
Banner Ortopedia Ferranti

Si tratta di Forma Sicilia e Cenfop

Caos Formazione: a rischio lavoratori in esubero, alcuni enti non firmano accordo

di
10 Aprile 2018

Due delle organizzazioni datoriali più rappresentative della formazione professionale hanno detto no alla firma dell’accordo parasociale con i sindacati per il riassorbimento dei lavoratori in esubero dell’albo. Si tratta di Forma Sicilia e Cenfop che ieri hanno disertato l’incontro tenutosi nel pomeriggio alla presenza dell’assessore regionale al ramo, Roberto Lagalla.

Una scelta fortemente contestata dalla Flc Cgil Sicilia. Si assottigliano ulteriormente, quindi, le speranze di riassunzione per migliaia di ex dipendenti che attendevano con ansia la pubblicazione del nuovo avviso e la riattivazione delle attività formative dopo una lunga fase di stallo.

Il percorso era già complicato visto che le risorse messe a disposizione dall’Assessorato, 125 milioni di euro in tutto, non bastano a finanziare il ritorno al lavoro di tutti. Una platea, tra personale attualmente in forza agli enti, personale licenziato o in corso di licenziamento, composta da 8.500 persone. Di questi 1.700 appartengono al bacino degli ex sportellisti, mentre circa la metà sono amministrativi. Una categoria quest’ultima difficile riassorbibile perchè numericamente sovradimensionata rispetto alle effettive esigenze degli enti.

La decisione presa da Forma Sicilia e da Cenfop era stata anticipata il giorno precedente con una nota congiunta a firma dei presidenti delle due organizzazioni, Giuseppe Navetta e Massimo Papa. Entrambi contestano i criteri di partecipazione stabiliti nell’avviso. A loro giudizio non riuscirebbero “neanche a garantire gli organici esistenti. La prospettiva del catalogo – spiegano nella nota – e la mancanza di regole e pratiche che rendano sicuro il futuro della formazione non ci permettono di assumere impegni”.

Parole pesanti che suonano come una sorta di messa in mora nei confronti dell’Assessorato e che lasciano presagire battaglie e contenziosi già all’indomani della formazione della graduatoria degli enti che si sono aggiudicati le risorse. Nessun tentennamento da parte dell’assessore che al contrario è convinto della formula utilizzata e del fatto che Forma Sicilia e Cenfop possano in seguito ritornare sui loro passi e firmare l’intesa come hanno fatto tutte le altre organizzazioni datoriali e dei sindacati che in questo modo sperano di assicurare maggiori tutele al personale.

Difficile al momento capire chi sia disposto a rivedere la propria posizione. Di sicuro questa situazione non giova alla parte più debole della contesa, ovvero ai lavoratori.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Ferranti