Caos Foss, sindacati sul piede di guerra :ilSicilia.it
Palermo

Le sigle scrivono ai vertici e alla Regione

Caos Foss, sindacati sul piede di guerra

di
7 Febbraio 2020

I sindacati della Foss in modo compatto mandano una lettera di guerra al sovrintendete Antonino Marcellino, al Collegio del Revisorsi e all’assessorato regionale al Turismo.

Ma l’Ugl fa anche di più. Ne spedisce un’altra più pesante. Le richieste sono un elenco infinito ma i punti più salienti sono tutti accentrati “sulla mancanza di trasparenza della Fondazione”. Proprio l’Ugl da tempo denuncia le numerose incongruità economiche e non solo nei riguardi della Foss.

Dalla mancata presentazione del bilancio, dalla questione mai risolta degli ex Pip alla revoca del contratto al CulturItaly per le visite guidate assegnato senza procedure regolari, fino alla famosa inchiesta degli ispettori della Regione di cui ancora ad oggi non si conoscono i risultati.

Un caos estremo in cui versa la sinfonica, principalmente nei reparti amministrativi e contabili, chiedendo come mai sia stata avviata una “informale gestione provvisoria”. Inesistente in ogni statuto della Fondazione.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

Vaccini, basta chiacchiere!

La consueta girandola dei colori delle regioni italiane colpisce ancora. Sembra di guardare dentro un caleidoscopio nel quale le forme ed i colori cambiano ad ogni movimento dell’oggetto

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin