Caos nella giunta Orlando, Caronia: "Sfiducia necessaria per operazione verità" :ilSicilia.it
Palermo

La dichiarazione

Caos nella giunta Orlando, Caronia: “Sfiducia necessaria per operazione verità”

di
20 Aprile 2021

Sul caos politico approdato a Palazzo delle Aquile, dopo le dimissioni degli assessori renziani Costumati e Piampiano, si è espressa Marianna Caronia, consigliere del Comune di Palermo di Forza Italia.

Dopo la crisi che ha visto ulteriormente ridursi il numero di consiglieri comunali che sostengono la Giunta comunale, ma soprattutto dopo le affermazioni del sindaco che ha attribuito al Consiglio comunale una serie di gravi responsabilità per presunti ritardi nella emanazione di atti amministrativi, credo che non sia rinviabile un momento di dibattito e confronto politico sulla situazione amministrativa della città”, ha dichiarato Caronia.

Il Consiglio comunale non può ridursi a fare il passacarte della Giunta né può tanto meno ignorare la mutata situazione politica. Allo stesso tempo il Sindaco – aggiunge Caronia –  non può proseguire nel comportamento degli ultimi mesi di mera contrapposizione e assenza di dialogo. Per questo credo che sia indispensabile proporre la mozione di sfiducia, che costringa a questo momento di confronto, di dialogo e anche di verità”.

“Il sindaco è libero di fare le scelte politiche e amministrative che gli sono consentite fino alla fine del mandato, se non opta per le dimissioni o se non viene sfiduciato; l’opposizione, che è ormai maggioranza del Consiglio comunale ha il dovere e il diritto di fare e valutare le proprie scelte politiche e amministrative”.

Quel che è certo è che in questo momento di crisi gravissima, con il Covid che è una aggravante ma certamente non è la causa delle tante emergenze amministrative, il Sindaco e la sua Amministrazione non possono continuare a comportarsi come se niente fosse successo o pensare di andare ad un quotidiano scontro con la maggioranza del Consiglio comunale. Non è questo ciò di cui la città ha bisogno”, ha concluso il consigliere azzurro.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

La GiombOpinione

di Il Giomba

L’epoca dell’ansia

Accusano i giovani di non buttarsi e di aver sempre più paura: siamo sicuri che sia soltanto colpa loro? Non sempre, infatti, le cose sono come sembrano...

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin