Caos incompiute, "Palermo è nella tempesta perfetta". Intervista a Maurizio Carta | VIDEO :ilSicilia.it
Palermo

"Manca la qualità architettonica nei progetti"

Caos incompiute a Palermo, “La città è nella tempesta perfetta”. Intervista a Maurizio Carta | VIDEO

di
18 Maggio 2018

 

Mentre la città di Palermo è nella morsa di cantieri infiniti (Anello e Passante ferroviario su tutti) non mancano le critiche alla qualità architettonica dei progetti e delle future fermate metropolitane.

Nei giorni scorsi un nutrito gruppo di Architetti e docenti universitari si è schierato apertamente contro i progetti della futura “Stazione Politeama”, suggerendo un concorso di idee per «salvare la piazza più famosa della città dal brutto, dall’assenza di gusto estetico e architettonico»

Anello Fs, rendering fermata Politeama
Anello Fs, rendering fermata Politeama

Ne abbiamo parlato con il presidente della Scuola Politecnica dell’Università di Palermo, il professore Maurizio Carta, docente di Urbanistica, tra i più famosi architetti palermitani (anche a livello internazionale) e promotore delle smart cities.

«Sono d’accordo con i colleghi: purtroppo c’è una severa mancanza di qualità architettonica nei progetti. Si è guardato solo all’essenza e alla funzionalità necessaria, senza tenere conto dei luoghi. Le fermate, le stazioni e i luoghi di risalita… Ma penso che siamo ancora in tempo per intervenire…».

L’intervista si apre però con una domanda specifica: sono davvero opere necessarie, visto che manca ancora il biglietto unico integrato? «Assolutamente sì. Su questo non v’è dubbio. Viviamo un momento delicato: siamo nella “tempesta perfetta”, perché sono lavori immaginati 15/20 anni fa, e che oggi si sono sovrapposti insieme. Le criticità sono necessarie per costruire la Palermo del futuro».

Concorso Tram Palermo 2018, Rendering via Roma e San Domenico (dettaglio)
Rendering via Roma

Il Comune però sta puntando tutto sul tram. «Serve assolutamente. Per completare le linee esistenti, che sono dei tronconi di un sistema più ampio. Nonostante le polemiche, nessuno oggi si oppone al tram o alle pedonalizzazioni. Semmai si discute su come farle meglio. È un grande segnale di maturità».

Tuttavia i tracciati delle nuove linee coincidono in buona parte col vecchio progetto della MAL (la metropolitana automatica leggera). Non è una sconfitta abbandonare quel progetto? «Penso che abbia pesato sulla scelta il timore di replicare i disagi già visti e che stiamo vivendo col Passante (vicolo Bernava per esempio, ndr) e l’Anello. L’estrema delicatezza, fragilità e – in alcuni casi – inadeguatezza del sottosuolo palermitano… Pesano poi i costi e i tempi. Siamo in una fase in cui dobbiamo recuperare gli anni perduti. Servono quindi soluzioni più rapide. Ben venga il tram».

Infine il professore Carta, che è stato anche assessore al Centro Storico nella Giunta Cammarata, rivela la cosa migliore e la peggiore fatta dalla giunta Orlando, in ambito urbanistico…

SCOPRI TUTTI I DETTAGLI NEL VIDEO IN ALTO

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

La redazione consiglia:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

“La casa di carta”, da flop a fenomeno planetario

Nel maggio del 2017 in Spagna viene messa in onda per la prima volta la serie tv "La casa de papel" che, dopo un lusinghiero iniziale consenso di pubblico, vede diminuire rapidamente gli ascolti - tanto che al termine della seconda stagione i produttori e di conseguenza il cast ritengono concluso il progetto

Blog

di Renzo Botindari

Sei sempre tu “uomo del mio tempo”

E si, ci sono periodi e questi sono quelli delle mutazioni genetiche, i più fortunati stanno afferrando le scialuppe di salvataggio e qualcuno ha pure fatto fuoco su gli altri fuggitivi pur di avere un posto, gli altri provano a rifarsi una verginità
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin