Caos nel PD: a Messina si dimettono Starvaggi e Laccoto :ilSicilia.it
Messina

"campagna acquisti" renziana nell'Isola

Caos nel PD: a Messina si dimettono Starvaggi e Laccoto

16 Novembre 2019

Solo il mese scorso era stato “beccato” a Firenze, alla kermesse fondativa del nuovo partito renziano Italia Viva. Le sue dimissioni era dunque nell’aria. E oggi, il segretario del PD di Messina, Paolo Starvaggi, le ha formalizzate con una lunga lettera indirizzata al Segretario Nazionale del Partito Democratico Nicola Zingaretti e al Vice Segretario del PD di Messina, Patrizio Marino.

Ecco il testo delle dimissioni dai dem:

«Con la presente rassegno le mie irrevocabili dimissioni da Segretario della Città Metropolitana di Messina e lascio il Partito Democratico, di cui faccio parte sin dalla nascita e per il quale mi sono speso con impegno e lealtà fino all’ultimo, nella speranza di qualche segnale che potesse consentirmi di continuare il mio mandato.

Starvaggi PdPurtroppo, dopo l’attacco mediatico strumentale ed ingiusto messo a segno contro la mia persona ed estremamente dannoso per il partito, non ha avuto l’esito sperato la mia nota del 30.10.2019 al Segretario Zingaretti, alla Commissione Nazionale di Garanzia ed al Commissario Regionale On.le Losacco, nella quale auspicavo un immediato intervento del Partito Nazionale al fine di “consentire il superamento delle contrapposizioni e delle eccessive tensioni, nell’interesse supremo del partito e nel rispetto delle regole statutarie”.

Anzi, dopo avere consegnato alla stampa un comunicato, in cui ho nuovamente dichiarato di volere rimanere nel PD e di non condividere la scissione di Renzi, concordato con il Commissario regionale che mi invitava a chiarire la mia posizione e continuare nel mio incarico, ho avuto l’amara sorpresa, nell’articolo che riportava il mio comunicato, che proprio Losacco ha nominato un sub-commissario regionale con delega per Messina, che pur non interferendo con il mio incarico di segretario provinciale, ha consentito all’On.le Navarra di portare l’ennesimo attacco nei mie confronti, strumentalizzando tale nomina ed affermando “Ho apprezzato molto la sensibilità del Commissario Regionale Losacco che, prendendo atto dei comportamenti contraddittori del segretario Starvaggi, ha deciso di nominare un subcommissario regionale per la provincia di Messina”.

E’ stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso, insieme alla maggioranza dei componenti degli organismi provinciali che, in oltre 100 componenti, mi hanno manifestato di volere lasciare il Pd di Messina, ho dovuto prendere atto che questo non è più il partito che avevamo provato costruire e non ci sono più le condizioni di agibilità politica per continuare.

Il clima è divenuto insopportabile, troppi veleni, ripicche, ostacoli, alimentati e portati avanti da pochi, ma si sa distruggere è molto più facile che costruire.

Poi, l’esito, peraltro prevedibile se non scontato, del giudizio dinanzi al Tribunale di Palermo sul seggio conteso all’Ars tra Laccoto e De Domenico, non potrà che acuire i contrasti in atto, per come si evince dalle agguerrite dichiarazioni di quest’ultimo.

In tutti i modi ho cercato di ricomporre questa contesa ed in qualche momento ho pensato che la politica potesse far cessare la materia del contendere e dare una soluzione ragionevole ed equilibrata alle legittime aspettative di ciascun contendente, ma tanto il partito nazionale quanto qualche inesperto ed irriducibile politico locale, non ne hanno voluto sapere.

starvaggiMi faccio da parte, tolgo il disturbo, spero che le mie dimissioni possano essere di rasserenamento e contribuire ad un clima più collaborativo di quello che ha caratterizzato l’ultima parte della mia segreteria.

Auguro alle tante persone perbene che restano nel PD, ai dirigenti che mi hanno collaborato con impegno e lealtà, agli amministratori bravissimi iscritti al PD di Messina, di riuscire a proseguire il percorso avviato con la mia segreteria, di un partito plurale ma coeso, collegiale e radicato sul territorio, non messinacentrico ed al servizio dei cittadini piuttosto che della carriera politica del parlamentare di turno.

Nel mio ruolo di segretario ho impiegato energie che nemmeno sapevo di avere, continuando a svolgere i miei gravosi ma stimolanti impegni professionali, in ogni giornata di questo viaggio che è stato si faticoso ma che mi ha arricchito dal punto di vista umano e politico.

Per cui non smetterò mai di ringraziare di quello che mi hanno dato, il partito e la sua base genuina e straordinaria, i segretari di Circolo, tutti gli amministratori, tutti gli iscritti, nessuno escluso, pure quelli che mi hanno attaccato, a volte gratuitamente. Non porto alcun rancore nei confronti di nessuno. Farò tesoro di tutto quello che ho imparato e di tutte le persone che in questi anni ho incontrato.

Chiedo rispetto per questa mia scelta e spero non ci siano più ragioni per proporre processi sul piano mediatico, penso che i miei oppositori abbiano raggiunto il loro obiettivo, anche se non si sono resi conto che non hanno vinto alcunché e che a perdere è stato il PD di Messina.

Si sono mostrati incuranti del travaglio e del dolore che una decisione del genere può provocare, e soprattutto più prodighi a dare motivazioni per abbandonare piuttosto che a convincere a rimanere.

Questi atteggiamenti mi hanno fatto comprendere il malessere del Pd di Messina, che poi è anche quello del PD Nazionale, in cui la contrapposizione interna è ormai divenuta più forte della voglia di vincere e di vedere affermate le idee del Pd e rafforzato in me la convinzione che senza la nascita di un soggetto nuovo la sinistra non riuscirà a battere la destra nel paese. Ma in fondo questa è anche la convinzione del Segretario Zingaretti, di recente più volte manifestata.

Pertanto, ho deciso di intraprendere una strada diversa ma non opposta, sempre nel segno dei valori democratici che ancora condivido e sempre condividerò.

Ne beneficeranno la mia meravigliosa famiglia, che per il partito ho un po’ trascurato e l’associazionismo cui voglio ulteriormente avvicinarmi.

Auguro al Pd buona fortuna e sono certo che le nostre strade si potranno incrociare in tanti modi. Resto in attesa di conoscere le modalità con cui procedere insieme alla tesoriera, anch’essa dimissionaria, al passaggio delle consegne.

Cordialmente, Paolo Starvaggi».

 SI DIMETTE PURE LACCOTO

«Rassegno le dimissioni da ogni incarico di partito e lascio il Partito Democratico, che ho contribuito a fondare e ho servito per 11 lunghi anni con onestà, lealtà e orgoglio.

Purtroppo il Pd di Messina non risponde più all’idea che ho del partito e della politica: il mio tentativo di aprirlo e renderlo forte e coeso non è andato a buon fine, ed anzi ha ottenuto l’effetto contrario.

Lascio nel Pd amici veri, che ringrazio per il sostegno che mi hanno sempre dimostrato, nell’auspicio che questo momento di crisi del partito possa far sorgere in tutti la consapevolezza che solo cambiando rotta, ponendo fine a contrapposizioni e lotte intestine, si può riconsegnare al paese una forza politica seria e credibile di cui l’Italia ha estremo bisogno.

Continuerò ad impegnarmi con tutte le mie forze, come Sindaco di Brolo, nell’interesse della comunità che mi onoro di amministrare e che ancora una volta mi ha chiamato a rappresentarla. Spero di poter proseguire prima possibile, come parlamentare regionale per il territorio dei Nebrodi e della Provincia di Messina, le tante battaglie intraprese e per avviarne molte altre, nell’esclusivo e per me sacro interesse dei cittadini», conclude Laccoto.

Prosegue dunque la “campagna acquisti” renziana nell’Isola. 

Anche il consigliere comunale Alessandro Russo (PD, gruppo LiberaMe) scrive sui social: «Se ne sta andando un bel pezzo di Pd messinese. Lascia il segretario provinciale, lasciano numerosi segretari di circolo. La sfida è lanciata: o si dà spazio ad una nuova e più motivata classe dirigente o questo partito sarà morto per sempre. Non ci possono essere mezze misure, mezze mediazioni, mezzi tatticismi. Da militante, mi sono scocciato definitivamente. Vediamo chi ci sta».

 

LEGGI ANCHE:

Caos Pd a Messina, Starvaggi beccato alla Leopolda di Renzi. “Si dimetta”

Veleni e lotte interne nel Pd, Starvaggi: “Il partito in stato comatoso. Contro di me un complotto”

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.