Caos nella Giunta Orlando, DiventeràBellissima: "Serve un Commissario e nuove elezioni" :ilSicilia.it
Banner Bibo
Palermo

l'affondo

Caos nella Giunta Orlando, DiventeràBellissima: “Serve un Commissario e nuove elezioni”

di
18 Aprile 2021

“Alla luce di quanto successo nelle ultime ore in seno alla Giunta di governo di Palermo, ‘Diventerà Bellissima‘ ritiene che il danno cagionato a Palermo e ai palermitani, sia già di una tale entità, da risultare impensabile ogni ulteriore forma di continuità di questa sindacatura, tramite accordi, nuove spartizioni di incarichi e poltrone, negoziati tra le forze politiche. A maggior ragione se dovessero entrare in campo nuove componenti, in “soccorso” dall’opposizione (secondo boatos attendibili) per “tirare a campare” con una sindacatura che ha ridotto la città ai minimi termini di vivibilità e immagine, nonché ridotto all’osso il tessuto imprenditoriale che, in periodo Covid, andava agevolato e non ulteriormente affossato con provvedimenti e proposte surreali”.

Lo auspicano Claudio Volante, consigliere di Diventerà Bellissima Palermo, Tania Pontrelli dirigente regionale, Piera Cordaro dirigente provinciale e Astrid Anselmi attivista cittadina di DB Palermo.

“La crescita della città è bloccata da anni, da assessori e dirigenti la cui incompetenza e approssimazione hanno prodotto (o mai risolto) problemi immensi che sono sotto gli occhi di tutti: dai ponti non transitabili, alla pessima gestione dei Servizi Essenziali (RAP, AMAT, SUAP, Cimiteri, Edilizia ed Infrastrutture, Verde Pubblico). I diversi processi o indagini a carico di dirigenti comunali che hanno visto la luce in questi anni, il rifiuto di prendersi le proprie responsabilità per scelte profondamente sbagliate sulla Mobilità e sui Rifiuti, i continui rimpalli e liti tra assessori e forze politiche di in una maggioranza eterogenea e traballante rimasta in piedi per il potere e le poltrone, invece che per il bene della nostra città, fanno arrivare ad un’unica conclusione e proposta, chi ha a cuore il bene di Palermo e dei suoi abitanti: il Commissariamento dell’Amministrazione e del Consiglio Comunale, come unico modo per agire con urgenza e determinazione su tutte le urgenze che questa o qualunque altra “maggioranza” non sarebbe in grado di gestire, né risolvere. Urgenze che da troppo tempo massacrano le vite dei palermitani onesti che hanno solo desiderio di normalità. Una normalità negata per interessi di parte e clientelari, che nulla hanno a che vedere con una visione di progresso della città, tanto decantata nelle campagne elettorali, quanto mai inattuata e disattesa da ogni scelta – nei nomi e negli atti – da questa Amministrazione.

Auspichiamo con urgenza, quindi, la nomina di un Commissario Straordinario che prenda in carico questa surreale situazione e che traghetti la città verso nuove e libere elezioni, che dovranno rifondare profondamente la classe politica ed amministrativa di Palermo. I cittadini palermitani non meritano ulteriori tresche e “accordi” indecenti ai loro danni. Il “modello Draghi” è inapplicabile, peraltro, se non cambia il “Comandante in capo”. Palermo ha bisogno di una svolta, vera e non di ennesime manovre di palazzo”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco