Caos Rap in Consiglio Comunale: tolta la manutenzione delle strade, buche e marciapiedi :ilSicilia.it
Palermo

stasera il voto finale

Caos Rap in Consiglio Comunale: tolta la manutenzione delle strade, buche e marciapiedi

di
5 Luglio 2020

Alla fine, dopo tre notti e tre giorni di dibattito intenso in Aula, il Consiglio Comunale di Palermo trova un accordo sul contratto di servizio della RAP. Alla partecipata comunale che si occupa dei rifiuti in città sarà tolta la manutenzione dei marciapiedi e delle strade, perdendo di fatto 5,7 milioni di euro.

Tale servizio sarà dunque affidato con un apposito bando di gara ai privati. Stasera, a partire delle ore 18 è previsto il voto finale a Sala delle Lapidi.

“Finalmente avremo qualcuno che si occupa di buche, strade e marciapiedi, dopo anni di manutenzione assente”, afferma Antonino Randazzo (M5S), che sottolinea il ruolo dell’opposizione in Consiglio.

Il problema della manutenzione delle strade è emerso con forza nel dibattito in Aula, visto che negli ultimi due anni il Comune di Palermo ha pagato la cifra record di 7 milioni di euro di debiti fuori bilancio per risarcire i cittadini che hanno vinto le cause sull’asfalto dissestato. Tanti coloro che – a causa di buche e voragini o marciapiedi malmessi – sono caduti per terra, o andati al pronto soccorso.

bucheIn alcuni degli assi principali della città il manto stradale non viene rifatto da addirittura vent’anni. 

Da qui il caos in Consiglio con il servizio tolto alla Rap. Quest’ultima dovrebbe proseguire al massimo entro marzo 2021, termine ultimo e inderogabile per il bando o l’affidamento diretto ai privati.

La quadra è stata trovata anche perché sul Comune incombeva il pressing dei sindacati che da giorni minacciavano (a partire da domani) assemblee del personale che avrebbe paralizzato di fatto la raccolta dei rifiuti.

LE ALTRE NOVITÀ

Approvati tre emendamenti del M5S:

  1. uno riguarda l’obbligatorietà della raccolta differenziata nei mercati itineranti rionali;
  2. un altro prevede trasparenza sul sito web Rap con la pubblicazione dei giorni e degli itinerari di spazzamento (meccanico e manuale);
  3. il terzo riguarda i cosiddetti RAEE (rifiuti elettronici: frigoriferi, Climatizzatori, cellulari, lampadine, lavatrici, tv, pc, stampanti ecc.) prevedendo che tutti negozianti (piccoli e grandi, distributori, centri assistenza, installatori, grossa distribuzione apparecchiature elettriche) di Palermo potranno conferire i raee domestici presso i CCR (Centri Comunali di Raccolta) della Rap.

Bocciata invece dalla maggioranza la proposta di cestini stradali per la differenziata.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Credete che stiano dormendo?”

Non voglio ritornare a quel mondo malato, Io mi auguro di venirne fuori, quantomeno fisicamente, ma dovremmo fare un patto, un vero patto collettivo affinché si prenda insegnamento di tutto quanto ciò e si possa per una volta dire: “mai più!”. La riflessione di Epruno.
Balzebù
di Balzebù

M5S, la nuova spaccatura che sa di rottura definitiva del giocattolo

E’ cominciata molto prima del previsto la parabola discendente del Movimento 5 stelle. Probabilmente, non arriverà neanche alle prossime elezioni. Il disfacimento della creatura di Beppe Grillo è sotto gli occhi tutti. Ma nessuna sorpresa: un partito fondato soltanto sulla protesta non poteva avere un futuro

‘La caduta, eventi e protagonisti in Sicilia: 1972-1994’: l’analisi di Calogero Pumilia

Calogero Pumilia, per oltre vent’anni deputato democristiano, nel suo “La Caduta. Eventi e protagonisti in Sicilia 1972-1994“, in libreria in questi giorni, ci offre un contributo in questo senso regalandoci una lettura dal di dentro che consente di farci scoprire come molte leggende metropolitane, spacciate per verità storica, debbano essere riviste.
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin