Caos Rap in Consiglio Comunale: tolta la manutenzione delle strade, buche e marciapiedi :ilSicilia.it
Palermo

stasera il voto finale

Caos Rap in Consiglio Comunale: tolta la manutenzione delle strade, buche e marciapiedi

di
5 Luglio 2020

Alla fine, dopo tre notti e tre giorni di dibattito intenso in Aula, il Consiglio Comunale di Palermo trova un accordo sul contratto di servizio della RAP. Alla partecipata comunale che si occupa dei rifiuti in città sarà tolta la manutenzione dei marciapiedi e delle strade, perdendo di fatto 5,7 milioni di euro.

Tale servizio sarà dunque affidato con un apposito bando di gara ai privati. Stasera, a partire delle ore 18 è previsto il voto finale a Sala delle Lapidi.

“Finalmente avremo qualcuno che si occupa di buche, strade e marciapiedi, dopo anni di manutenzione assente”, afferma Antonino Randazzo (M5S), che sottolinea il ruolo dell’opposizione in Consiglio.

Il problema della manutenzione delle strade è emerso con forza nel dibattito in Aula, visto che negli ultimi due anni il Comune di Palermo ha pagato la cifra record di 7 milioni di euro di debiti fuori bilancio per risarcire i cittadini che hanno vinto le cause sull’asfalto dissestato. Tanti coloro che – a causa di buche e voragini o marciapiedi malmessi – sono caduti per terra, o andati al pronto soccorso.

bucheIn alcuni degli assi principali della città il manto stradale non viene rifatto da addirittura vent’anni. 

Da qui il caos in Consiglio con il servizio tolto alla Rap. Quest’ultima dovrebbe proseguire al massimo entro marzo 2021, termine ultimo e inderogabile per il bando o l’affidamento diretto ai privati.

La quadra è stata trovata anche perché sul Comune incombeva il pressing dei sindacati che da giorni minacciavano (a partire da domani) assemblee del personale che avrebbe paralizzato di fatto la raccolta dei rifiuti.

LE ALTRE NOVITÀ

Approvati tre emendamenti del M5S:

  1. uno riguarda l’obbligatorietà della raccolta differenziata nei mercati itineranti rionali;
  2. un altro prevede trasparenza sul sito web Rap con la pubblicazione dei giorni e degli itinerari di spazzamento (meccanico e manuale);
  3. il terzo riguarda i cosiddetti RAEE (rifiuti elettronici: frigoriferi, Climatizzatori, cellulari, lampadine, lavatrici, tv, pc, stampanti ecc.) prevedendo che tutti negozianti (piccoli e grandi, distributori, centri assistenza, installatori, grossa distribuzione apparecchiature elettriche) di Palermo potranno conferire i raee domestici presso i CCR (Centri Comunali di Raccolta) della Rap.

Bocciata invece dalla maggioranza la proposta di cestini stradali per la differenziata.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.