Caos Rap in Consiglio Comunale: tolta la manutenzione delle strade, buche e marciapiedi :ilSicilia.it
Palermo

stasera il voto finale

Caos Rap in Consiglio Comunale: tolta la manutenzione delle strade, buche e marciapiedi

di
5 Luglio 2020

Alla fine, dopo tre notti e tre giorni di dibattito intenso in Aula, il Consiglio Comunale di Palermo trova un accordo sul contratto di servizio della RAP. Alla partecipata comunale che si occupa dei rifiuti in città sarà tolta la manutenzione dei marciapiedi e delle strade, perdendo di fatto 5,7 milioni di euro.

Tale servizio sarà dunque affidato con un apposito bando di gara ai privati. Stasera, a partire delle ore 18 è previsto il voto finale a Sala delle Lapidi.

“Finalmente avremo qualcuno che si occupa di buche, strade e marciapiedi, dopo anni di manutenzione assente”, afferma Antonino Randazzo (M5S), che sottolinea il ruolo dell’opposizione in Consiglio.

Il problema della manutenzione delle strade è emerso con forza nel dibattito in Aula, visto che negli ultimi due anni il Comune di Palermo ha pagato la cifra record di 7 milioni di euro di debiti fuori bilancio per risarcire i cittadini che hanno vinto le cause sull’asfalto dissestato. Tanti coloro che – a causa di buche e voragini o marciapiedi malmessi – sono caduti per terra, o andati al pronto soccorso.

bucheIn alcuni degli assi principali della città il manto stradale non viene rifatto da addirittura vent’anni. 

Da qui il caos in Consiglio con il servizio tolto alla Rap. Quest’ultima dovrebbe proseguire al massimo entro marzo 2021, termine ultimo e inderogabile per il bando o l’affidamento diretto ai privati.

La quadra è stata trovata anche perché sul Comune incombeva il pressing dei sindacati che da giorni minacciavano (a partire da domani) assemblee del personale che avrebbe paralizzato di fatto la raccolta dei rifiuti.

LE ALTRE NOVITÀ

Approvati tre emendamenti del M5S:

  1. uno riguarda l’obbligatorietà della raccolta differenziata nei mercati itineranti rionali;
  2. un altro prevede trasparenza sul sito web Rap con la pubblicazione dei giorni e degli itinerari di spazzamento (meccanico e manuale);
  3. il terzo riguarda i cosiddetti RAEE (rifiuti elettronici: frigoriferi, Climatizzatori, cellulari, lampadine, lavatrici, tv, pc, stampanti ecc.) prevedendo che tutti negozianti (piccoli e grandi, distributori, centri assistenza, installatori, grossa distribuzione apparecchiature elettriche) di Palermo potranno conferire i raee domestici presso i CCR (Centri Comunali di Raccolta) della Rap.

Bocciata invece dalla maggioranza la proposta di cestini stradali per la differenziata.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.