Caos sul Ponte Corleone, è bagarre in Consiglio Comunale. La maggioranza: "L'assessore si dimetta" :ilSicilia.it
Palermo

Palermo nella morsa del traffico

Caos sul Ponte Corleone, è bagarre in Consiglio Comunale. La maggioranza: “L’assessore si dimetta”

di
2 Marzo 2021

Bagarre oggi pomeriggio nella seduta in videoconferenza del Consiglio Comunale di Palermo. Oggetto della seduta la manutenzione dei ponti (Oreto e Corleone). Su quest’ultimo, in particolare, dopo il restringimento delle carreggiate, è un vero caos in città. Traffico insostenibile e lunghe code.

A scatenare la bagarre l’intervento dell’assessore alle Infrastrutture Maria Prestigiacomo, che non ha fornito chiare delucidazioni sul Ponte Corleone edè arrivata senza il supporto dei tecnici dell’amministrazione comunale che si stanno occupando del ponte. “Chiederò la cortesia all’Ing. Massimo Verga di fare il punto della situazione, dato che nessuno meglio di lui conosce la storia del progetto del Ponte Corleone”.

Peccato che Verga sia ormai in pensione. Da qui, il caos nella seduta, con la maggioranza orlandiana che si spacca.

Maria PrestigiacomoDa Italia Viva infatti arriva l’invito alle dimissioni della Prestigiacomo: “Non si può arrivare in Consiglio comunale senza una strategia chiara sulla riapertura totale del ponte Corleone: il traffico di Palermo è da giorni in tilt, gli automobilisti sono esasperati e non è accettabile questo livello di approssimazione. Se l’assessore Maria Prestigiacomo non è in grado di affrontare questa emergenza, si dimetta“. Lo dicono i consiglieri comunali di Italia Viva a Palermo Dario Chinnici, Francesco Bertolino, Paolo Caracausi e Carlo Di Pisa in merito alle dichiarazioni rese oggi dall’assessore a Sala delle Lapidi. “Chiediamo al sindaco Leoluca Orlando di prendere in mano la situazione – continuano i consiglieri – anche per garantire la sicurezza di chi attraversa il Ponte e oggi lo fa con timore: il Comune chieda immediatamente l’intervento del governo regionale e di quello nazionale”.

Durissimi gli affondi anche dell’opposizione: dalla Lega, al gruppo Oso, numerosi i consiglieri che hanno fatto eco a Italia Viva.

“Su una questione come il ponte Corleone non si può giungere in aula non preparati – dice Toni Sala, consigliere comunale di Avanti Insieme – la scena a cui si è assistito oggi in consiglio comunale è stata indecorosa, abbiamo quasi avuto la sensazione che nessuno si stia occupando del problema. Siamo in emergenza e servono provvedimenti forti, anche con un commissario. L’assessore si occupi di altri temi oggetto della sua delega”.

“La prima nota sulle criticità del ponte risale al 2002 osserva il capogruppo della Lega Igor Gelarda – nessuno vuole una nuova tragedia come quella del ponte Morandi di Genova. Bisogna intervenire subito. Se siamo oggi a questo punto l’unico vero grande colpevole è il sindaco Orlando, sindaco seppur ad intermittenza da 35 anni. In passato Orlando non sapeva gestire l’ordinario ma riusciva almeno nell’emergenza; oggi, il Ponte Corleone ne è la prova, così come la questione cimiteri: non riesce a gestire nemmeno l’emergenza. Che abbia almeno il coraggio di venire in aula ad ammettere il suo fallimento“, conclude Gelarda.

 

 

LA SEDUTA:

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Una via per Franca Florio

La vita di Franca Florio, fatta di discese ardite e dure risalite è una grande storia, la fortuna, la sfortuna, la ricchezza, la povertà, la felicità, il dolore, si mischiano in quello che è un romanzo più romanzo di ogni pagina immaginata.

Blog

di Renzo Botindari

Avessimo almeno cercato un cambiamento

L’olio galleggia sull’acqua, ma poi strapazzare il contenitore, spargere in goccioline questo liquido più leggero dell’acqua, ma appena terminato lo stress le varie goccioline convergono nel centro riunificandosi e creando una unica chiazza galleggiante.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.