Caos viabilità: un giorno di ordinaria follia a Piano Battaglia, 20 pullman bloccati :ilSicilia.it
Palermo

Lettera aperta del gestore di Rifugio Marini

Caos viabilità: un giorno di ordinaria follia a Piano Battaglia, 20 pullman bloccati

di
28 Gennaio 2019

“Una giornata di ordinaria follia a Piano Battaglia. Inizia così la lettera aperta che Giovanni Faletra, gestore del Rifugio Marini, ha scritto e pubblicato su Facebook.

Uno sfogo per raccontare i disagi legati alla vergognosa viabilità siciliana con la disavventura di un gruppo di turisti che ieri – 27 gennaio 2019 – era partito da Porto Empedocle (AG), ma è rimasto bloccato a pochi chilometri dal noto polo turistico delle Madonie (PA).

Ecco il resoconto di una domenica da dimenticare:

Piano Battaglia«Questa foto (in basso) ritrae una delle due sale da pranzo del Rifugio Marini preparata per ospitare un gruppo di turisti, regolarmente, prenotati che stamattina, da Porto Empedocle, dovevano raggiungere Piano Battaglia con 2 pullman appositamente noleggiati per una giornata da trascorrere sulla neve con relativo pranzo.

La mancanza di mezzi, lo scarso coordinamento degli operatori che operano sul territorio e lasciatemi dire anche l’impreparazione di chi sovrintende all’ordine pubblico e alla viabilità a Piano Battaglia hanno fatto sì che più di 20 autobus sono stati fermati all’altezza del Parco Avventura e invitati a ritornare indietro dopo lunghe ore di attesa. Qualcuno, ignaro della distanza da percorrere, non si è rassegnato allo stop e si è incamminato, a piedi, non sapendo degli otto chilometri da percorrere per raggiungere la destinazione.

rifugio marini

Oggi avevamo prenotazioni per 190 coperti e abbiamo servito 60 pasti perdendo tra ristorante e bar circa 4.000 euro senza poi contare lo spreco del cibo preparato che andrà buttato via: per una piccola economia come la nostra sono davvero tanti. I turisti sono rimasti per ore in aperta strada provinciale senza viveri, senza possibilità di servizi igienici e soprattutto senza nessun tipo di assistenza. Si sono ovviamente ripromessi di non tornare più a Piano Battaglia, non distinguendo i responsabili del disastro odierno.

Anche noi siamo fortemente amareggiati, lavoriamo da anni su questo territorio cercando di promuovere un turismo consapevole anche in inverno quando i problemi di Piano Battaglia si amplificano: la manutenzione delle strade, i servizi inesistenti e l’offerta ricettiva inadeguata rispetto alla domanda di posti letto. Ogni anno è sempre peggio, tante belle parole e braccia allargate.

Chiuso l’episodio di oggi ci chiediamo se qualcuno si adopererà per assicurare la piena fruibilità della località nel prossimo fine settimana o, invece, spererà che anche noi, così come gli altri operatori economici rimasti, desisteremo chiudendo l’attività rassegnandoci al triste destino che tanto le cose non cambieranno mai. Nonostante tutto, noi cercheremo di fare ancora la nostra parte».

 

LEGGI ANCHE:

Viabilità, si sbloccano sei opere sulle Madonie

Piano Battaglia: feriti due sciatori. Interviene il Soccorso Alpino | FOTO

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.