Capaci, la precisazione di Micciché e il ringraziamento di Maria Falcone :ilSicilia.it
Palermo

il commento

Capaci, la precisazione di Micciché e il ringraziamento di Maria Falcone

di
23 Maggio 2021

“Penso che bisognerebbe cambiare il modo di commemorare le stragi per coinvolgere maggiormente i giovani. Non perchè le celebrazioni del 23 maggio siano inutili, anzi sono importantissime e il mio plauso va per questo a Maria Falcone e alla fondazione che presiede. Ma il coinvolgimento dell’arte onorerebbe la memoria piu’ del discorso di un ministro. Ed per questo che lancio l’idea di realizzare una sorta di ‘Biennale dell’antimafia’”. Lo dice all’ANSA il presidente dell’assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè. 

“L’idea mi e’ venuta anche perche’ ho visto che mia figlia che ha 26 anni non si emoziona rispetto a queste commemorazioni. – prosegue – Sono convinto che bisognerebbe coinvolgere il mondo dell’arte, della musica, della danza. Loro esponenti dovrebbero lavorare per realizzare qualcosa che possa rimanere ogni giorno. Per tenere viva la memoria. Per far capire ai giovani cosa sia successo realmente prima delle stragi”.

“Sono sicuro infatti che nessun trentenne leggera’ sui sito di informazione o sui giornali le cronache delle manifestazioni di oggi – osserva – Si vive ormai nel periodo digitale e non nell’analogico. Per raccontare la storia sarebbe utile anche un museo della mafia e dell’antimafia”. “La Fondazione Falcone – aggiunge – potrebbe allargare le sue competenze piu’ di quanto lo faccia all’arte e alla scrittura. C’e’ questa installazione stupenda dei cani in branco del maestro Vitali che ho visto oggi dentro l’aula bunker. Sembrano messi li’ a difesa della giustizia”.

“Chiedero’ a Maria Falcone – annuncia – di poterla esporre in modo permanente a Palazzo dei Normanni, sede all’Assemblea regionale siciliana. In modo tale che quel branco di cani vegli sulla legalita’”.

Maria Falcone
Maria Falcone

“Ringraziamo il presidente dell’Ars per la precisazione fatta perche’ noi restiamo convinti che la presenza delle istituzioni, che testimonia l’impegno dello Stato nella lotta alla mafia, sia fondamentale. Guai se le istituzioni non fossero presenti in un giorno in cui, non solo si ricordano le vittime di Cosa nostra, ma tutti insieme rinnoviamo il giuramento laico a non arretrare di un passo che facemmo dopo le stragi”. Lo ha detto Maria Falcone, presidente della Fondazione Giovanni Falcone, commentando le parole del presidente dell’Ars Gianfranco Micciche’.

“Siamo lieti che il presidente pensi di ospitare all’Ars l’installazione del maestro Vitali, una delle opere del progetto SpaziCapaci che abbiamo voluto realizzare quest’anno – aggiunge – nel segno di un nuovo percorso di legalita’ che, attraverso l’arte e la bellezza, arrivi a piu’ persone possibile. Quest’anno abbiamo cominciato con i murales a Brancaccio e accanto all’aula Bunker e con la bellissima statua sotto l’Albero Falcone, proseguiremo lungo questo solco cercando linguaggi efficaci e coinvolgenti che ci aiutino a diffondere il messaggio che da 29 anni portiamo avanti”.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

La Cosa Giusta

Il mio mondo è pieno di individui che hanno preso le scorciatoie e che con la loro scarsa morale minano alla base giornalmente i nostri principi essendo esempio di una classe vincente

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

Fine del Referendum?

Il voto delle amministrative del 12 giugno, i suoi risultati, con l’esultanza dei vincitori e la delusione degli sconfitti con il carico di polemiche e di recriminazioni, ha messo in ombra fino alla sua rimozione

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.