26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 12.28
Messina

Silenzio assordante da parte dell'Amministrazione Accorinti

“Capitale Messina” chiede risposte sui problemi che riguardano il territorio peloritano

11 Settembre 2017

Capitale Messina” torna a pungere l’Amministrazione Accorinti e ancora una volta ai quesiti che vengono posti fa da sfondo un silenzio che non dà risposte ai cittadini prima ancora che all’associazione messinese, impegnata su più fronti nel sollecitare e stimolare il dibattito sui problemi del territorio peloritano.

“Ma mai, neanche una volta, gli interlocutori interpellati, ovvero gli assessori al ramo, hanno creduto opportuno di replicare o chiarire i legittimi dubbi di cittadini preoccupati per il benessere della propria città, a dispetto di quanto preannunciato in campagna elettorale“, evidenzia Capitale Messina rivolgendosi ai vertici della casa municipale messinese.

La Giunta di Accorinti non si degna di dare una risposta, dimostrandosi riluttante al confronto ma anche impermeabile alle critiche, alle quali reagisce a volte con toni da rissa, ed altre con saccenteria professorale, perché a Palazzo Zanca la virtù dell’autocritica non è di casa. Ma la chiusura al dialogo, l’afasia dell’Amministrazione comunale non ci ha scoraggiato, e quindi un mese fa, preoccupati dall’appello lanciato dal commissario dell’Autorità portuale di Messina De Simone all’Amministrazione, perché presentasse istanza di sdemanializzazione delle aree cittadine soggette al demanio portuale, abbiamo scritto al sindaco“, continua la nota.

In pratica l’area che va da Boccetta ad Annunziata, appartenendo al Demanio marittimo, è attualmente sotto la potestà amministrativa dell’Autorità portuale di Messina.

Di conseguenza, quando a causa della riforma della portualità firmata da Delrio, la nostra Autorità portuale verrà soppressa ed accorpata a quella di Gioia Tauro, il destino di queste parti della nostra città sarà deciso nelle stanze dell’Authority calabrese, evidenzia “Capitale Messina” nel silenzio assordante della Giunta Accorinti che non risponde agli interrogativi di volta in volta posti.

I messinesi – aggiunge Capitale Messina – hanno il diritto di conoscere le azioni intraprese dall’Amministrazione per sdemanializzare queste aree per evitare che domani cadano sotto la potestà amministrativa di Gioia Tauro. E se un gruppo di cittadini chiede lumi su un tema così importante, un sindaco degno di questo nome ha il dovere morale di rispondere. E se così non sarà, dovremo constatare, come ancora una volta, l’Amministrazione Accorinti contraddica nella prassi, l’enunciazione dei principi di trasparenza, condivisione, e partecipazione dei cittadini“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.