CapitaleMessina: "De Luca non segua l'esempio di Accorinti" :ilSicilia.it
Messina

A scriverlo Paolo Bitto e Gianfranco Salmeri

CapitaleMessina: “De Luca non segua l’esempio di Accorinti”

7 Ottobre 2018

Dobbiamo essere sinceri, la nostra preoccupazione è che De Luca possa seguire l’esempio di Accorinti nel non avere il coraggio di dichiarare il dissesto del Comune” scrivono Paolo Bitto e Gianfranco Salmeri di CapitaleMessina che aggiungono – Poco conta se il Consiglio Comunale sarà disponibile a seguirlo nella strada dell’applicazione del “salva Messina”. Non è questo il punto, anzi qualcuno dovrebbe cominciare ad informare i consiglieri, che, nel caso in cui si voglia perseverare sulla strada del piano di riequilibrio, dovranno assumersi la responsabilità di approvare tutti i debiti fuori bilancio in esso contenuti”.

Non c’è dubbio -continuano– ha ragione De Luca, è stato criminale non dichiarare il dissesto cinque anni fa; ma probabilmente lo è anche non dichiararlo oggi, perché se è vero ciò che si legge nelle 370 pagine della sua relazione, non ci sono dubbi: il Comune è di fatto in dissesto. Ed addirittura, secondo le parole del Sindaco “i bilanci” della giunta Accorinti sarebbero “falsi”. Allora non crediamo sia possibile continuare a fuggire dalle responsabilità, così come ha fatto per cinque anni non solo l’amministrazione Accorinti ma anche buona parte della città, mentre noi denunciavamo l’insostenibilità sociale e finanziaria del piano di riequilibrio, finanziato da risorse non esistenti per legge o frutto di scelte che portavano alla distruzione delle partecipate, cosa puntualmente avvenuta. La città non ha voluto aprire gli occhi neanche di fronte alle dimissioni di due onesti e coraggiosi consiglieri comunali, Luigi Sturniolo e Nina Lo Presti, che misero nero su bianco in un libro la follia dell’amministrazioni Accorinti“.

La città non può continuare a morire perché “dietro le scelte ci saranno dei drammi”, questo è il momento del coraggio ed il Sindaco ha l’obbligo di difendere la propria comunità, non sottoporla a dilemmi. Infatti se qualche dubbio prima ci poteva essere, ora non c’è più, dichiarando il dissesto la città avrà solo dei vantaggi rispetto alle “lacrime e sangue” che si prefigurano. Perché, e questo va bene spiegato, per la stragrande maggioranza dei cittadini il dissesto non comporta alcun sacrificio in più rispetto ad oggi. Siamo infatti già, e non da ora, in una condizione con tariffe comunali al massimo, con servizi al minimo e senza possibilità di investimenti“.

E non comprendiamo le parole del Sindaco, che ha dichiarato che nel caso in cui si fosse nelle condizioni di dichiarare il dissesto, anziché continuare a fare il proprio dovere, si dimetterebbe per far nominare un commissario a cui far dichiarare il dissesto. Al contrario De Luca oggi avrebbe un vantaggio dichiarando il dissesto, comincerebbe da zero e considerate le indubbie capacità amministrative, non permetterebbe al comune di ricadere nelle stesse logiche che lo hanno portato al dissesto”.

Invitiamo il Sindaco ad evitare tattiche o strategie politiche, De Luca è stato eletto per governare una città in pre-dissesto e questo lo sapeva chiunque; la città comprenderà qualsiasi scelta e sacrificio, se fatta nell’interesse collettivo, ma certo non la fuga dalle responsabilità” concludono Bitto e Salmeri.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.