CapitaleMessina: "Polemica rifiuti tra Galletti e Musumeci: il ministro usa due pesi e due misure tra Lazio e Sicilia" :ilSicilia.it
Messina

"La Sicilia non può essere lasciata sola"

CapitaleMessina: “Polemica rifiuti tra Galletti e Musumeci: il ministro usa due pesi e due misure tra Lazio e Sicilia”

7 Gennaio 2018

“La Sicilia, come è noto, si sta avviando verso quella che si prefigura come probabilmente la più drammatica delle crisi del sistema di raccolta dei rifiuti: le discariche stanno rapidamente esaurendosi ed entro pochi mesi rischiamo di essere letteralmente sommersi dai rifiuti”, questo quanto si legge in un documento di CapitaleMessina a firma di Giovanni Randazzo e Gianfranco Salmeri .

“In previsione di ciò – continuano – il presidente della Regione Siciliana chiede al Governo collaborazione e sostegno per affrontare l’emergenza, ipotizzando come soluzione transitoria l’invio dei rifiuti oltre stretto. Il ministro per l’Ambiente Galletti risponde “picche”, definendo la Sicilia “la serie B dei rifiuti”, continua la nota. “La prima considerazione da fare è sulla evidente difformità di atteggiamento nei riguardi di due situazione analoghe: la crisi dei rifiuti nel Lazio ed in Sicilia.Verso la regione governata da Zingaretti, che appartiene al suo stesso schieramento politico, i toni sono morbidi, verso la Sicilia ben più aspri”.

“Ringrazio il presidente Bonaccini per l’aiuto che ha voluto dare a Roma”, dichiara Galletti a proposito dell’invio dei rifiuti romani in Emilia Romagna.

A proposito dell’esportazione dei rifiuti siciliani invece: “Chi è capace di fare ha risolto il problema, ma c’è chi ancora segue la pancia dei cittadini, non risolve il problema e lo scarica su altri”.

Non vogliamo fare i difensori d’ufficio, ma a Musumeci, in carica da appena venti giorni, per la crisi dei rifiuti non possono certo essere attribuite colpe; vedremo in futuro se gli si potranno riconoscere meriti. Mentre invece il Ministro Galletti è al suo posto da anni, e probabilmente qualche responsabilità in più ce l’ha, se la Sicilia è “la serie B dei rifiuti”, aggiungono Randazzo e Salmeri.

“Dobbiamo anche ricordare al ministro – spiegano – che il suo partito o la coalizione a cui appartiene, ha sostenuto o ignorato l’assoluta insipienza dei diversi assessori e direttori generali che si sono occupati negli ultimi lustri della gestione dei rifiuti in Sicilia. E nei riguardi del governo Crocetta, considerato che le linee di indirizzo del ministero sono risultate perennemente inascoltate, non ha esercitato, come avrebbe potuto, i poteri di surroga. Più che polemiche, ci aspettiamo da Roma una maggiore apertura verso un problema che non è dell’esponente politico di uno schieramento avverso, bensì di cinque milioni di cittadini italiani”.

E alla fine da parte di Randazzo e Salmeri arriva un monito: “La Sicilia non può essere lasciata sola ad affrontare l’emergenza rifiuti, così come non sono state abbandonate al loro destino altre regioni, quali Campania o Lazio, nelle nostre stesse condizioni”.

Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Loro non Cambiano”

Quello che ancora oggi mi sconvolge guardando la pubblica amministrazione (la cosa pubblica in genere) è l’incapacità di fare pulizia e giustizia, eppure la cosa pubblica siamo noi.
Wanted
di Ludovico Gippetto

La Fontana di Ventimiglia… va a ruba!

A Ventimiglia di Sicilia, un piccolo comune della provincia di Palermo che conta 2.200 abitanti, in una notte del 1983 nessuno si è accorto di strani movimenti attorno ad una fontana...
LiberiNobili
di Laura Valenti

Arrabbiarsi non è un male

La rabbia fa bene quando dà la motivazione, la spinta vitale verso l’evoluzione, altrimenti diventa espressione di una tragica considerazione di se stessi sia da parte dell’individuo sia da parte dell’interlocutore.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”.