"CapitaleMessina", Salmeri: "Buon lavoro al nuovo sindaco" :ilSicilia.it
Messina

L'augurio a Cateno De Luca

“CapitaleMessina”, Salmeri: “Buon lavoro al nuovo sindaco”

25 Giugno 2018

È finita, finalmente è finita questa brutta campagna elettorale. Tutta giocata su toni rissosi, che ha visto prevalere l’attacco personale sulla riflessione politica, una tenzone esasperata che ha ridotto il lessico della fisiologica dialettica politica ad un livello decisamente pre-politico” a parlare è il vicepresidente di CapitaleMessina, Gianfranco Salmeri, che in una nota fa l’augurio di buon lavoro al neo eletto Sindaco.

Anche questo è un sintomo di una città depressa, sfiduciata e quindi anche arrabbiata. Da oggi comunque abbiamo un nuovo Sindaco, il verdetto delle urne ha consacrato Cateno De Luca, che sarà il primo cittadino di tutti i messinesi, di quelli che lo hanno votato e di quelli che non lo hanno fatto. È questa la democrazia.

Da oggi – continua Salmeri –  riposte le armi della polemica elettorale, crediamo che bisognerà rimboccarsi le mani tutti, dentro e fuori dai palazzi della politica, per far risorgere questa città, perché già troppo tempo si è perso.

Per quanto ci riguarda, CapitaleMessina, come è noto, ha fatto una scommessa, ha puntato sul progetto politico rappresentato dalla figura di Dino Bramanti, uomo di grande valore, al quale rinnoviamo la nostra gratitudine per lo spirito di abnegazione e per il coraggio dimostrato. Un progetto basato su un modello di partecipazione civica, pur nella dialettica con i partiti tradizionali, tutto costruito sui valori della competenza, efficienza e trasparenza. Il progetto che tra quelli in campo, più si avvicinava al nostro modo di intendere l’amministrazione della “cosa” pubblica.

Progetto, però, che è stato sonoramente bocciato dalle urne; probabilmente perché non siamo riusciti a farlo ben comprendere o forse perché non siamo stati coraggiosi fino in fondo. E adesso inizia un’altra storia. Noi usciamo dall’agone politico diretto – conclude –  e riprendiamo il nostro ruolo di movimento civico che vigila sull’operato dell’Amministrazione cittadina, nell’interesse dell’unica comunità alla quale sentiamo di appartenere, quella dei messinesi. Quindi da domani criticheremo, senza pregiudizi, ciò che non ci convincerà, e sosterremo, senza ammiccamenti, ciò che ci apparirà utile per la città.

Buon lavoro signor Sindaco, buona fortuna Messina”.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

L’Indivia e l’Invidia?

Ricordate ognuno è ciò di cui si circonda, se ci si circonda del nulla e se si dà spazio al nulla è perché per primi non si crede nel nostro valore e tutto questo credetemi non potrà durare, si ci vorrà ancora del tempo, ma questo “giorno della marmotta finirà”.
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.