26 Maggio 2019 - Ultimo aggiornamento alle 00.42
Messina

Verso le Comunali 2018

CapitaleMessina scende in campo: “Scegliamo Bramanti con convinzione”

30 Aprile 2018

Riceviamo e pubblichiamo nota stampa del movimento CapitaleMessina:

Dino Bramanti
Dino Bramanti

«Dopo anni di impegno a elaborare progetti, idee, ad avanzare critiche e proposte, per noi – scrivono il presidente Pino Falzea e del vicepresidente Gianfranco Salmeri –  è arrivato il momento di scendere in campo, ed abbiamo deciso di farlo accanto a Dino Bramanti, con cui condividiamo una comune visione sugli obiettivi, ma anche sulle modalità, per ridare una prospettiva di sviluppo alla nostra città.

Anche noi siamo fortemente convinti, e questo è il principio fondativo del nostro Movimento, che per far risorgere questa città sia necessario che la società civile, i cittadini, debbano mettersi in gioco; ed il momento di farlo è arrivato.

È giunto il momento delle scelte, ed a questa sfida non vogliamo e non possiamo sottrarci. Lo dobbiamo alla città ed a tutti coloro che hanno creduto in noi.

capitalemessinaNon stiamo scegliendo una parte politica, questo ci teniamo a chiarirlo, anche se riconosciamo ai partiti che sostengono Bramanti generosità e lungimiranza nell’aver deciso di fare un passo indietro. Ma abbiamo, invece, deciso di aderire al progetto politico con maggiori caratteristiche di civismo, e rappresentato da una figura autorevole e credibile, con una storia personale fatta di impegno sociale e successi professionali.

Competenza, efficienza, trasparenza, partecipazione, e soprattutto autonomia dai partiti che lo sostengono, saranno le parole d’ordine del progetto politico di Bramanti.

E se, come siamo certi, queste saranno le coordinate, noi ci metteremo impegno e passione per un obiettivo ambizioso: far rinascere Messina».

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Per chi forse ha già dimenticato

“Dottore questa volta non ce l’ho fatta, non ho fatto storie, non ho permesso a loro di attaccarmi le lunghe maniche bianche dietro la schiena, non ho voluto fare il “bastian contrario” come sempre e ho preso la loro medicina. A che serviva ancora dire che non era giusto? E poi a chi? In quanti siamo rimasti? Mi sono dovuto prostrare come tutti, mi sono dovuto distrarre, avrei dovuto imparare ad essere più ipocrita, mi sarebbe bastato vendere il mio intelletto".
. Rosso & Nero .
di Alberto Samonà

Il ricordo di Falcone: un’occasione persa per una memoria condivisa

Oggi è una di quelle date che dovrebbe essere patrimonio di tutti e invece, il ricordo del giudice Giovanni Falcone, della moglie Francesca Morvillo, e degli agenti della scorta Vito Schifani, Rocco Dicillo e Antonio Montinaro, è diventato l'occasione per divisioni, distinguo, accuse, veleni, lenzuoli di protesta ai balconi e contromanifestazioni.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.