CapitaleMessina: "Se l’Atm fosse privata sarebbe già fallita" :ilSicilia.it
Messina

"Una realtà in fortissima perdita"

CapitaleMessina: “Se l’Atm fosse privata sarebbe già fallita”

di
3 Aprile 2018

Di fronte alla generale insoddisfazione dei messinesi nei riguardi della gestione dei servizi cittadini, la giunta comunale oppone come esempio di buona amministrazione l’azienda del pubblico trasporto cittadino. È l’Atm ad essere presentata come il fiore all’occhiello di questa Giunta comunale.

Ma è veramente cosi? Sicuramente c’è la generale percezione di un miglioramento della qualità del servizio, è vero ci sono più autobus in giro, ma questo non basta per cantare vittoria.

Per comprenderlo basta leggere il bilancio 2016 dell’Atm, pubblicato a marzo 2018. Dall’analisi del documento contabile si comprende che l’Atm non è l’azienda modello che l’amministrazione accorintiana vorrebbe raccontare, tant’è che se fosse una azienda privata, gli amministratori dovrebbero consegnare i libri in Tribunale per chiedere l’applicazione di una procedura concorsuale.

Entriamo nel dettaglio. Utile di esercizio: l’utile dichiarato per l’anno 2016 (euro 128.779) è invece in realtà una fortissima perdita, occultata da sopravvenienze attive pari ad euro 5.355.608, delle quali 4.700.000 di euro derivano dalla rinuncia di un credito da parte del Comune di Messina.

Quindi, anche se volessimo considerare solo questa posta, il bilancio 2016 dell’Atm si chiuderebbe con una perdita di euro 4.571.221. E non consola l’aumento degli incassi per la vendita dei biglietti bus/ tram e gratta e sosta, rispettivamente di euro 512.422 ed euro 177.512 rispetto al 2015, di fronte all’aumento di 1.269.868 del costo del personale, malgrado una riduzione di 21 unità (548 nel 2015 – 527 nel 2016).

Infatti, se consideriamo il costo medio pro capite per dipendente, siamo passati da euro 36.759 (anno 2012) ad euro 37.748 (anno 2015) ed euro 41.662 (anno 2016). Su tale ultimo dato la nota integrativa prova a dare qualche spiegazione, ma sulle voci quali una tantum e straordinario per autisti, riteniamo opportuno lasciare il giudizio ai sindacati presenti in azienda. Anche depurando il dato del costo del personale di euro 1.269.868, come suggerito dalla nota integrativa, il costo pro capite sarebbe di euro 39.252.

Si valuti che siamo in presenza di una azienda con un patrimonio netto negativo di euro 31.916.291 o di euro 36.487.512 se non ci fosse stata la rinuncia del credito da parte del Comune di Messina di euro 4.700.000.

Situazione debitoria: si assiste ad un progressivo e preoccupante aumento dei debiti: + 2.317.272 nei confronti dei fornitori; + 2.974.875 per tributi; + 3.914.762 per contributi previdenziali; + 1.505.816 verso altri.

Siamo complessivamente ad un incremento di 10.712.725 di debiti rispetto al 2015. Tale posizione debitoria ha comportato un costo solo per interessi passivi di euro 1.500.000 e riteniamo non siano state considerate le sanzioni per il ritardato pagamento.

La posizione debitoria complessiva è pari ad euro 66.127.440 “alleggerita” di euro 4.700.00 per la citata rinuncia del credito da parte del Comune. Basta fare una semplice somma per arrivare a più di 70.000.000 di euro.

La furbata della rinuncia del credito da parte del Comune di Messina ha “pilotato” il bilancio verso un utile di fatto inesistente ed una riduzione de idebirti. L’Atm non è una Spa., come Messinambiente, i debiti rimarranno a carico del Comune di Messina e non si potranno scaricare su altri.

Situazione creditoria: ad una situazione di debiti certi, si vorrebbe contrapporre una situazione creditoria pari a 34.006.151, a dir poco precaria e poco chiara. La nota integrativa su tale punto è palesemente e gravemente carente di informazioni.

Sono presenti una serie di crediti, nei riguardi di Comune, Regione e Stato, il cui grado di riscuotibilità è di difficile comprensione, anche se vengono inseriti quasi tutti tra i crediti scadenti entro l’esercizio successivo (2017).

Considerato che siamo ad aprile del 2018 sarebbe interessante comprendere se siano stati effettivamente riscossi, altrimenti si tratterebbe di una palese falsità. Come risulta evidente da questa analisi, non è tutto oro ciò che luccica.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.