Capo d'Orlando, sequestrati beni per 1 milione e 350 mila euro a un imprenditore :ilSicilia.it
Messina

L'accusa è di usura. Indagati in sette

Capo d’Orlando, sequestrati beni per 1 milione e 350 mila euro a un imprenditore

di
27 Luglio 2017

I militari della Compagnia Carabinieri di Sant’Agata di Militello hanno sequestrato beni per 1 milione e 350 mila euro all’imprenditore Salvatore Leone, 54 anni, accusato dei reati di abusiva attività finanziaria, usura, bancarotta e bancarotta fraudolenta in concorso.

Il provvedimento, emesso dal gip presso il tribunale di Patti su richiesta della locale procura, fa riferimento a fatti avvenuti fra il 2012 e il 2015 ed è stato messo a segno a seguito delle indagini dei carabinieri della Stazione di Capo d’Orlando in collaborazione con militari del N.O.R. – Aliquota Operativa della Compagnia di Sant’Agata di Militello. 

L’imprenditore, originario di Patti, noto nel campo degli elettrodomestici in passato era titolare di due attività commerciali, una a Capo d’Orlando e l’altra a Rocca di Caprileone.

Stando alle indagini, l’imprenditore, insieme ad altri sei indagati, sarebbero componenti di un sodalizio criminale, dedito all’usura e ad altre attività di finanziamento illecite e operazioni di riciclaggio.

I Carabinieri hanno proceduto al sequestro di beni immobili ubicati nei comuni di Capo d’Orlando, Sant’Agata di Militello, Torrenova e Patti, nonché conti correnti, polizze vita e auto e motoveicoli. In tutto gli indagati sono sette.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin