Capo d'Orlando: tre giorni d'eccezione a Villa Piccolo fra cultura e musica :ilSicilia.it

da venerdì 5 luglio a domenica 7 luglio

Capo d’Orlando: tre giorni d’eccezione a Villa Piccolo fra cultura e musica

di
5 Luglio 2019

Saranno tre giorni all’insegna della cultura, del diritto e della musica quelli di questo lungo fine settimana a Villa Piccolo (Km 109, strada statale 113 Capo d’Orlando), con tre appuntamenti d’eccezione inseriti nell’ambito della rassegna “Ingressi di Paesaggi 2019”.

Si comincia venerdì 5 luglio, alle ore 19, con un incontro per celebrare il 60° anniversario dell’assegnazione del Premio Nobel a Salvatore Quasimodo.

Dopo i saluti istituzionali di Andrea Pruiti Ciarello (Presidente Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella) e di Anna Maria Tripodo (Dirigente V Direzione, Città Metropolitana di Messina), è prevista la partecipazione straordinaria di Vanni Ronsisvalle (Presidente Emerito Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella).

Il programma prosegue con un’intervista al professore Vincenzo Fera, ordinario di Letteratura Italiana dell’Università di Messina, sul tema: “Salvatore Quasimodo e Lucio Piccolo: due poeti a confronto” a cura della professoressa Maria Grazia Insinga (curatrice del Premio Lighea). Quindi, un intermezzo musicale a cura del Conservatorio Corelli di Messina con Marea Saxophone Quartet: Claudio Raneri (sax soprano), Simone Impellizzeri (sax contralto), Giuseppe Zisa (sax tenore) Alessandro Vancheri (sax baritono). Musiche di E. Bozzà, J.Rivier e P. Iturralde. A seguire, proiezione del documentario su Salvatore Quasimodo: “L’Universale del Verso” di Diego Ronsisvalle. Ingresso libero.

Sabato 6 luglio, sempre alle 19, è in programma un incontro sul tema “La cultura del dubbio: l’art. 12 della Costituzione. La bandiera, la politica, i simboli”, organizzato con il patrocinio dell’Ordine degli Avvocati di Patti.

Previsti i saluti di Andrea Pruiti Ciarello, Presidente della Fondazione Famiglia Piccolo di Calanovella, del sindaco di Capo d’Orlando Franco Ingrillì, di Francesco Pizzuto, Presidente del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Patti. Relazione a cura di Massimo Luciani, Ordinario di Diritto Pubblico e Diritto Costituzionale Università La Sapienza di Roma. Presenta: Erik Peterson

Per gli avvocati é prevista l’iscrizione mediante email da inviare all’indirizzoformazione@fondazionepiccolo.it e registrazione presso la segreteria nella sede dell’evento, fino all’ora d’inizio.Sarà rilasciato attestato utile a certificare la partecipazione all’evento da diritto al riconoscimento di n.2 crediti formativi ordinari per Avvocati. Ingresso gratuito.

La tre-giorni culminerà domenica 7 luglio, alle 21, con un concerto sotto le stelle della grande Orchestra sinfonica siciliana, diretta da Salvatore Percacciolo. Con Giuseppe Mazzamuto, Sauro Turchi, Matthew Furfine, Maassimo Grillo (percussioni). Una serata di grande musica in uno scenario unico come il parco di Villa Piccolo.

Il programma del concerto accosterà al poema di Modest MusorgskijUna notte sul Monte Calvo” alcuni Capricci Sinfonici di Nicolaj Rimskij Korsakov (Capriccio spagnolo per Orchestra, Op. 34), Cajkovskij (Capriccio italiano per Orchestra, Op. 45), una Overture (Time square) per 4 percussioni e fiati e orchestra di Giuseppe Mazzamuto. Ingresso 5 euro.

Esprimo grande soddisfazione per questo importante avvio estivo della rassegna “Ingressi di paesaggi 2019 – dichiara il presidente della Fondazione Piccolo, Andrea Pruiti Ciarello – un weekend all’insegna della cultura, che proseguirà nelle prossime settimane con altre importanti iniziative. Avremo il piacere di ospitare Nadia Terranova, finalista del Premio Strega, con il suo romanzo Addio fantasmi; Simona Lo Iacono, con la sua ultima fatica letteraria dedicata alla vita di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, intitolata L’albatro e altri importanti concerti di musicali ed iniziative culturali di alto pregio. Sono soddisfatto per la ritrovata vitalità di Villa Piccolo, che ha registrato negli ultimi mesi l’appoggio di tutte le amministrazioni comunali dei Nebrodi ed il sostegno della popolazione”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.