Cara di Mineo, Gelarda (Lega): "La redistribuzione garantisce servizi per i veri profughi” :ilSicilia.it
Palermo

dopo il trasferimento di 50 persone

Cara di Mineo, Gelarda (Lega): “La redistribuzione garantisce servizi per i veri profughi”

di
19 Febbraio 2019

“Redistribuire i migranti del Cara di Mineo in altre strutture di accoglienza garantirà più servizi ai veri profughi”.  Lo dicono Igor Gelarda, responsabile siciliano enti locali della Lega, ed Elio Ficarra, responsabile enti locali in provincia di Palermo, al termine delle operazioni di trasferimento di altri 50 immigrati dalla mega struttura in provincia di Catania con destinazione Caltanissetta ed Enna. 

I trasferimenti nei centri di accoglienza straordinari sparsi in Sicilia avverranno mensilmente. Lo scorso 7 febbraio sono stati redistribuiti i primi 50 migranti, giorno 27 è prevista una nuova operazione.

“Il Cara di Mineo chiuderà entro la fine dell’anno – dicono Gelarda e Ficarra – . Il ministro Salvini aveva promesso di smantellare i grossi centri di accoglienza di migranti in tutta Italia e lo sta facendo. L’obiettivo della Lega – concludono –  è quello di garantire più ordine e sicurezza nelle città”.

Il Cara di Mineo, considerato il più grande centro di accoglienza richiedenti asilo in Europa, era stato aperto nel 2011. Nel periodo di massimo affollamento è arrivato ad ospitare fino a 4 mila migranti.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“Teoremi, Postulati e Dogmi”

Oggi il capo non vuole più esser messo in discussione. Una mente matematica come la mia nella sua vita si è nutrita di teoremi i quali partendo da condizioni iniziali arbitrariamente stabilite, giungono a conclusioni, dandone una dimostrazione.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.