Carburanti, svolta green in Sicilia: "Nuovi impianti dovranno avere tutti colonnine ricarica elettrica" :ilSicilia.it
Banner Bibo

LO ANNUNCIA L'ASSESSORE TURANO

Carburanti, svolta green in Sicilia: “Nuovi impianti dovranno avere tutti colonnine ricarica elettrica”

di
20 Dicembre 2018

Svolta green in Sicilia: carburanti alternativi in tutti i nuovi impianti di distribuzione e passaggio dalla Regione ai comuni delle competenze per la procedura di apertura di alcuni impianti. Sono queste in estrema sintesi le novità contenute nel decreto carburanti firmato dall’Assessore regionale alle Attività produttive Mimmo Turano.

Il decreto, che recepisce le più recenti novità legislative nazionali in tema di presenza di più tipologie di carburanti, sancisce l’obbligo per i nuovi impianti o per quelli esistenti sottoposti a ristrutturazione di prevedere la presenza oltre delle benzine e dei gasoli tradizionali anche dei carburanti alternativi, a minore impatto ambientale. Saranno dunque obbligatori nei nuovi impianti i distributori di metano, anche in esclusiva modalità self service, e i punti di ricarica elettrica.

TuranoNon saranno soggetti all’obbligo di installazione – si legge nel decreto – i distributori localizzati nei comuni privi di impianti di distribuzione di carburante e nelle isole minori mentre al fine di promuovere l’uso di carburanti a basso impatto ambientale sarà consentita l’apertura di distributori mono prodotto che oltre ad erogare gas naturale (GNC e GNL) dovranno obbligatoriamente dotarsi di nuovi punti di ricarica elettrica.

Le nuove norme saranno particolarmente stringenti per le province di Palermo e Siracusa, i cui capoluoghi negli ultimi anni hanno ripetutamente sforato il limite delle concentrazioni di polveri sottili (PM10). I distributori di queste due province che hanno erogato benzina e gasoli per più di 10 milioni di litri nel 2015 e per più di 5 milioni di litri nel 2017 dovranno obbligatoriamente presentare, entro la fine del 2018 i primi e del 2020 i secondi, un progetto di potenziamento dell’impianto per dotarsi di infrastrutture di ricarica elettrica e di distribuzione di metano.

L’inosservanza del termine comporterà la revoca della concessione o dell’autorizzazione. 

Il provvedimento firmato dall’assessore Turano prevede anche alcune semplificazioni amministrative in tema di sospensione temporanea dell’attività e un significativo passaggio di competenze dalla Regione ai comuni che adesso avranno il compito di rilasciare le autorizzazioni per gli impianti industriali e quelli ad uso privato.

“Dopo l’avvio dell’anagrafe dei carburanti – evidenzia l’esponente della giunta Musumeci – che ci consente una razionalizzazione del sistema, compiamo un passo decisivo nell’ammodernamento della rete di distribuzione. Con questo decreto ci avviamo verso una rete dagli standard europei: più ‘green’, a tutela dei consumatori e della salute dei siciliani ma anche più semplice, senza le pastoie burocratiche che nel passato hanno reso la gestione del settore elefantiaca e insostenibile per gli uffici regionali” conclude l’assessore.

 

LEGGI ANCHE:

Turismo e mobilità elettrica: arrivano le colonnine di ricarica col progetto “Donna Sicilia” | VIDEO SERVIZIO

La Sicilia apre alle auto elettriche e all’energia solare: pronto un ddl all’Ars

 

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Il Principe e il Povero

E proprio vero “u saziu nun po' cridiri o diunu, è facile fare la persona di principio con l’appannaggio annuo di 2.000.000 sterline che ti passa to nonna". Fu a quel punto che comprese l’importanza e la fortuna di essere povero

Politica

di Elio Sanfilippo

Il putiferio palermitano del Pd

Il putiferio all’interno del Partito democratico palermitano pare che sia scoppiato in seguito ad una intervista rilasciata dal segretario Rosario Filoramo accusato di autoreferenzialità, di una gestione accentratrice del partito e, soprattutto, di avere lanciato la sua sindacatura a sindaco di Palermo senza alcuna consultazione e riunione degli organismi dirigenti. 

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco