Carcere di Augusta: agente aggredito a pugni finisce in ospedale :ilSicilia.it
Siracusa

LA DENUNCIA DEL SINDACATO SAPPE

Carcere di Augusta: agente aggredito a pugni finisce in ospedale

di
26 Dicembre 2020

Nel carcere di Augusta un agente di Polizia Penitenziaria è stato aggredito ed è dovuto ricorrere alle cure dei sanitari. Lo denuncia in un comunicato il sindacato autonomo di Polizia Penitenziaria SAPPE.

“Un poliziotto è finito all’ospedale per un pugno in faccia da parte di un recluso che non accetta la rieducazione e il reinserimento nella società”, denuncia il segretario provinciale SAPPE Salvatore Gagliani.

“Siamo vicini al collega finito in ospedale che ha avuto alcuni giorni di prognosi e cure, purtroppo la poca garanzia dello Stato il quale ci manda a mani nude ad affrontare ogni sorta di pericolo”, aggiunge.

Donato Capece e Calogero Navarra, rispettivamente segretario generale e segretario nazionale SAPPE per la Sicilia del SAPPE, esprimono solidarietà e vicinanza al poliziotto ferito ad Augusta.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin