Carcere e covid-19, torna in cella un altro boss della mafia :ilSicilia.it

scarcerato durante l'emergenza sanitaria

Carcere e covid-19, torna in cella un altro boss della mafia

di
28 Maggio 2020

Torna in carcere, Antonino Sudato, condannato all’ergastolo, in applicazione del ‘decreto antimafia’ del ministro Bonafede e su iniziativa del Dap. Era uno dei condannati finiti ai disciplinare su disposizione dei magistrati per ragioni di salute.

Sudato, 67 anni, era rinchiuso nel carcere di Sulmona, e aveva ottenuto gli arresti domiciliari dopo che il magistrato di sorveglianza dell’Aquila aveva accolto l’istanza del suo avvocato Antonino Campisi. La motivazione era l’incompatibilità del detenuto con la vita carceraria per motivi di salute e per il rischio di contagio da coronavirus, che può aggravare seriamente lo stato di una persona con rilevanti patologie”. Sudato, mafioso siracusano del clan Nardo-Aparo avrebbe partecipato alla guerra di mafia della sua zona negli anni dal ’90 al 1994.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il Presidente con le carte in regola

In una fase di scadimento della Politica ricordare Pier Santi Mattarella è come una boccata di ossigeno, un riconoscere che vi è stata, e quindi è possibile, una politica ispirata al bene comune, al buon governo e al progresso della propria terra

In ricordo del Gattopardo: un romanzo che ci aiutò a capire la Sicilia e i siciliani

L’11 novembre 1958, usciva per i tipi della casa editrice Feltrinelli, Il Gattopardo, capolavoro e unico romanzo di Giuseppe Tomasi principe di Lampedusa. Il successo editoriale, in parte inaspettato, fu eccezionale, le edizioni si susseguirono una dopo l’altra con un ritmo che si riscontra in pochissimi casi per quanto riguarda il nostro panorama editoriale
Blog
di Giovanna Di Marco

Lidliota. E non è un romanzo

Ora mi chiedo come ci siamo ridotti se davvero su internet vanno a ruba le scarpe vendute alla Lidl a prezzi esorbitanti, perché pare che
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin