Carcere e covid-19, torna in cella un altro boss della mafia :ilSicilia.it

scarcerato durante l'emergenza sanitaria

Carcere e covid-19, torna in cella un altro boss della mafia

di
28 Maggio 2020

Torna in carcere, Antonino Sudato, condannato all’ergastolo, in applicazione del ‘decreto antimafia’ del ministro Bonafede e su iniziativa del Dap. Era uno dei condannati finiti ai disciplinare su disposizione dei magistrati per ragioni di salute.

Sudato, 67 anni, era rinchiuso nel carcere di Sulmona, e aveva ottenuto gli arresti domiciliari dopo che il magistrato di sorveglianza dell’Aquila aveva accolto l’istanza del suo avvocato Antonino Campisi. La motivazione era l’incompatibilità del detenuto con la vita carceraria per motivi di salute e per il rischio di contagio da coronavirus, che può aggravare seriamente lo stato di una persona con rilevanti patologie”. Sudato, mafioso siracusano del clan Nardo-Aparo avrebbe partecipato alla guerra di mafia della sua zona negli anni dal ’90 al 1994.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.