Carcere e covid-19, torna in cella un altro boss della mafia :ilSicilia.it

scarcerato durante l'emergenza sanitaria

Carcere e covid-19, torna in cella un altro boss della mafia

di
28 Maggio 2020

Torna in carcere, Antonino Sudato, condannato all’ergastolo, in applicazione del ‘decreto antimafia’ del ministro Bonafede e su iniziativa del Dap. Era uno dei condannati finiti ai disciplinare su disposizione dei magistrati per ragioni di salute.

Sudato, 67 anni, era rinchiuso nel carcere di Sulmona, e aveva ottenuto gli arresti domiciliari dopo che il magistrato di sorveglianza dell’Aquila aveva accolto l’istanza del suo avvocato Antonino Campisi. La motivazione era l’incompatibilità del detenuto con la vita carceraria per motivi di salute e per il rischio di contagio da coronavirus, che può aggravare seriamente lo stato di una persona con rilevanti patologie”. Sudato, mafioso siracusano del clan Nardo-Aparo avrebbe partecipato alla guerra di mafia della sua zona negli anni dal ’90 al 1994.

© Riproduzione Riservata
Tag:
L'angolo della dietista
di Marina Sutera

La parola ‘dieta’

Dieta è un termine di origine greca che vuol dire appunto “stile di vita” intesa come abitudini alimentari corrette supportate da un’adeguata attività fisica
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Scandali in Vaticano

E’ di questi giorni lo scandalo che ha coinvolto il Vaticano e ha portato alla decisione di Papa Francesco di far dimettere il cardinale Angelo Becciu, diplomatico di carriera, dalla guida della Congregazione dei Santi e dalle funzioni di cardinale.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.