Carceri, Apprendi: "Pene alternative per il pacifista No Muos" :ilSicilia.it

Turi Vaccaro è detenuto al Pagliarelli

Carceri, Apprendi: “Pene alternative per il pacifista No Muos”

di
27 Settembre 2018

“Sono tornato ad incontrare Turi Vaccaro, il pacifista arrestato il 6 Agosto scorso, perché doveva scontare la pena di 13 mesi di carcere per fatti risalenti al 2015 durante le manifestazioni di protesta organizzate dal comitato NO MUOS. È  un personaggio particolare, al suo ingresso in carcere Pagliarelli aveva iniziato lo sciopero della parola, successivamente, a seguito del mio incontro, ha iniziato a rispondere alle domande del personale del carcere”.

Così Pino Apprendipresidente di Antigone Sicilia, che prosegue: “Sa bene che non volere riconoscere la prassi burocratica, applicata per le leggi vigenti, potrebbe tenerlo in carcere per la durata di tutta la pena. In altri tempi, con un altro clima politico, Turi Vaccaro  avrebbe attirato l’attenzione della politica militante. Oggi c’è il silenzio assoluto, tranne il movimento NO MUOS. Mai come in questo caso – spiega Apprendi – dovrebbero applicarsi pene alternative. Turi Vaccaro, in carcere scrive il suo diario e mangia cibi crudi , ortaggi e frutta. Il “Ribelle”, pacifista vero, ha chiesto un flauto per passare qualche ora suonando”.

LEGGI ANCHE:

Il pacifista No Muos, protesta nudo in carcere

© Riproduzione Riservata
Tag:
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Cosa succederà dopo Orlando?

Un articolo di Maurizio Zoppi per IlSicilia.it ha sollevato un problema molto importante per la città di Palermo. Chi sarà il successore di Orlando e, soprattutto, che succederà dopo Orlando?
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.