Carceri, Apprendi: "Pene alternative per il pacifista No Muos" :ilSicilia.it

Turi Vaccaro è detenuto al Pagliarelli

Carceri, Apprendi: “Pene alternative per il pacifista No Muos”

27 Settembre 2018

“Sono tornato ad incontrare Turi Vaccaro, il pacifista arrestato il 6 Agosto scorso, perché doveva scontare la pena di 13 mesi di carcere per fatti risalenti al 2015 durante le manifestazioni di protesta organizzate dal comitato NO MUOS. È  un personaggio particolare, al suo ingresso in carcere Pagliarelli aveva iniziato lo sciopero della parola, successivamente, a seguito del mio incontro, ha iniziato a rispondere alle domande del personale del carcere”.

Così Pino Apprendipresidente di Antigone Sicilia, che prosegue: “Sa bene che non volere riconoscere la prassi burocratica, applicata per le leggi vigenti, potrebbe tenerlo in carcere per la durata di tutta la pena. In altri tempi, con un altro clima politico, Turi Vaccaro  avrebbe attirato l’attenzione della politica militante. Oggi c’è il silenzio assoluto, tranne il movimento NO MUOS. Mai come in questo caso – spiega Apprendi – dovrebbero applicarsi pene alternative. Turi Vaccaro, in carcere scrive il suo diario e mangia cibi crudi , ortaggi e frutta. Il “Ribelle”, pacifista vero, ha chiesto un flauto per passare qualche ora suonando”.

LEGGI ANCHE:

Il pacifista No Muos, protesta nudo in carcere

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Io guardo e rido, in questo momento

Io credevo che il vecchio mondo, i grandi popoli stessi avrebbero condiviso la loro parte migliore per far nascere una Europa grande unica e coesa che desse il meglio di sé stessa e invece alle prime difficoltà serie, abbandonati codici e decimetri, son venute fuori le profonde differenze e gli egoismi.
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

“Calati juncu, ca passa la china”

Al famoso termine‘resilienza’, oggi abusato ben oltre il campo d’indagine della psicologia, perché fa trendy ed è dunque omologato e omologante, voglio opporre un proverbio siciliano: “Calati juncu, ca passa la china”, ovvero “Giunco, piegati per fare passare la piena del fiume”
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Covid 19: cosa è bene sapere

Tutti e tre questi virus hanno come serbatoio animale i pipistrelli. Il passaggio delle infezioni virali da animale a uomo sono molto rare ma nel caso dei coronavirus sopra riportati il virus è riuscito a passare nell’essere umano e si è diffuso da persona a persona