Carceri in Sicilia, Apprendi: "Sono delle bombe innescate" :ilSicilia.it

dopo i disordini ad agrigento

Carceri in Sicilia, Apprendi: “Sono delle bombe innescate”

20 Giugno 2019

“Appena 4 giorni fa abbiamo denunciato ciò  che  era avvenuto  in alcune carceri italiane, come un campanello d’allarme per la Sicilia.
Non ci siamo sbagliati, purtroppo”, a parlare è Pino Apprendi, presidente di Antigone Sicilia.

Pino ApprendiA Pagliarelli nel reparto alta sicurezza è  in corso uno sciopero culminato, questa mattina, con una delle forme più gravi di protesta,  i familiari dei detenuti non si sono presentati ai colloqui”.

“Ad Agrigento è  scoppiata una rivolta sfociata con l’incendio di alcuni materassi. Le cause di questi disagi sono da attribuire, certamente, alle condizioni che continuiamo a denunciare”.

“Sovraffollamento, insufficienti condizioni igienico sanitarie, poca possibilità di cure mediche, disagio psichico non curato adeguatamente.
Non é  con la repressione che si educa il detenuto. La Costituzione – conclude Apprendi – prevede la rieducazione”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Il cielo di Paz
di Mari Albanese

Lettera di un’adolescente dalla sua quarantena

Oggi la mia rubrica ospita una lettera molto intensa scritta da un’adolescente che ci narra i suoi giorni di quarantena. Osservare la vita attraverso i social e distanti dagli affetti più importanti per i giovanissimi è stato molto faticoso. Possono i libri aiutare a lenire la solitudine?
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.