Carceri, l'Ordine degli avvocati di Palermo: "Istituire un Garante Comunale per i detenuti" :ilSicilia.it
Palermo

situazione insostenibile a causa del Covid

Carceri, l’Ordine degli avvocati di Palermo: “Istituire un Garante Comunale per i detenuti”

di
3 Aprile 2021

Il Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Palermo, nella seduta del 18 febbraio 2021, ha rivelato:

  • che la gravissima situazione epidemiologica, in corso da un anno, ha aggravato le condizioni, già critiche, di vivibilità dei detenuti all’interno degli istituti penitenziari;
  • che gli istituti penitenziari presentano problemi di sovraffollamento nonché gravi carenze sotto il profilo igienico-sanitario, come tali lesive dei diritti umani fondamentali;
  • che tali criticità, a maggior ragione nell’attuale stato di emergenza, determinano l’impossibilità oggettiva di garantire il distanziamento dei detenuti e l’impiego dei necessari dispositivi di sicurezza;
  • che è necessario vigilare sull’osservanza e sulla tutela dei diritti dei detenuti, nel rispetto del dettato costituzionale ed a garanzia della salute pubblica;
  • che il Garante Nazionale ed il Garante Regionale per i detenuti svolgono un importante ruolo di vigilanza e monitoraggio delle condizioni di vita degli stessi e chiedono alle istituzioni competenti interventi immediati ed efficaci;
  • che si rende necessaria l’istituzione del Garante Comunale, allo scopo di creare un canale privilegiato di collegamento e scambio tra il Comune e gli istituti penitenziari (quattro) ivi esistenti;
  • che, peraltro, tale istituzione è già attiva in 55 Comuni Italiani;
  • che il sistema carcerario ed i detenuti hanno diritto ad ottenere considerazione ed attenzione da parte degli organi politici e dell’opinione pubblica.

Pertanto Ordine degli Avvocati di Palermo ha deliberato di chiedere alle Autorità competenti l’istituzione del Garante Comunale per le persone detenute per la città di Palermo.

Inoltre ha disposto di trasmettere copia della suddetta al Sindaco di Palermo, al Presidente della Regione Siciliana, al Presidente della Corte d‘Appello di Palermo, al Presidente del Tribunale di Palermo, ai Consigli dell’Ordine degli Avvocati del Distretto.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Wanted

di Ludovico Gambino

Giorgio Armani veste il David di Michelangelo per Dubai

La scultura, quella vera, è uno degli emblemi del nostro Rinascimento nonché simbolo dell'Italia nel mondo, originariamente collocata in Piazza della Signoria, per rappresentare la Repubblica fiorentina vigile e vittoriosa contro i nemici. L'opera, alta oltre cinque metri per cinque tonnellate di marmo di Carrara, ritrae l'eroe biblico nel momento in cui si appresta ad affrontare Golia, come ci racconta l’Antico Testamento.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Sicilia e la Resistenza

La Sicilia non ebbe modo di partecipare alla fase finale che determinò la caduta del Fascismo. Essa rimarrà estranea agli avvenimenti del 25 luglio e dell’8 settembre segnati dalle dimissioni di Mussolini, dalla fine dell’alleanza con la Germania di Hitler dopo l’armistizio firmato dal maresciallo Pietro Badoglio

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Banner Ortopedia Ferranti

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin
Banner Skin Deco