Carini, demolita la cappella votiva in onore del boss :ilSicilia.it
Palermo

L'ordinanza del Comune

Carini, demolita la cappella votiva in onore del boss

di
6 Aprile 2019

Demolita il 6 aprile, su ordinanza del Comune di Carini, nel Palermitano, la cappella votiva abusiva con il simulacro di San Vito, patrono della città, edificata nei primi anni ’90 nella rotonda vicino allo svincolo autostradale. La zona è stata a lungo il regno del boss mafioso Nino Pipitone, a una manciata di chilometri dal punto della strage di Capaci.

Una struttura che, all’epoca, era stata eretta, secondo gli investigatori, proprio per rendere omaggio al capomafia della cosca locale che vi era devoto, con tanto di cerimonia di inaugurazione, festeggiamenti, eventi musicali e fuochi d’artificio.

I carabinieri, però, l’estate scorsa, incuriositi da lavori di ristrutturazione in corso, avevano scoperto che gli interventi erano sprovvisti di autorizzazione e che la cappella era abusiva. Da qui le denunce per abusivismo edilizio nei confronti della proprietaria del terreno e di un muratore che, raccogliendo fondi tra i devoti di San Vito, si era fatto avanti per sistemarla.

Il cantiere è stato poi bloccato. La notizia aveva destato scalpore tra la comunità, che aveva commentato polemicamente sui social, soffermandosi soltanto sulla simbologia religiosa dell’opera, per la presenza, appunto, del simulacro del patrono di Carini.

Ma per gli investigatori quella cappella, in quel sito, aveva un significato ben diverso, legato alla presenza nell’area del boss Nino Pipitone. Demolito il simulacro, l’indagine resta aperta.

Demolita cappella votiva abusiva a Carini, fu omaggio a boss
Fu eretta negli anni ’90, vicino al luogo della strage di Capaci

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.