Carini, lite tra vicini di casa degenera: ferito a colpi di cric, uomo finisce in ospedale :ilSicilia.it
Palermo

denunciato un 37enne

Carini, lite tra vicini di casa degenera: ferito a colpi di cric, uomo finisce in ospedale

di
4 Agosto 2020

Colpito con un cric al termine di una lite. E’ accaduto a Carini (PA) dove un uomo di 56 anni è stato soccorso e portato all’ospedale Villa Sofia dopo essere aggredito vicino all’ufficio postale di via Campo sportivo.

I carabinieri hanno identificato e denunciato un 37enne per il reato di lesioni personali. Secondo una prima ricostruzione la vittima dell’aggressione è un vicino di casa, per ragioni ancora da chiarire, avrebbero avuto un’accesa discussione con il ferito.

In pochi minuti la situazione sarebbe degenerata e sarebbero intervenute altre persone. Tra questi il figlio di uno dei due contendenti – il 37enne – che avrebbe preso un cric per poi colpire il 56enne.

I militari della compagnia di Carini sono intervenuti su segnalazione di qualche passante fermando l’uomo e avviando contestualmente le indagini per chiarire la dinamica dei fatti. L’uomo rimasto ferito durante la lite è stato portato con l’ambulanza in ospedale per accertamenti. Le sue condizioni non sarebbero però gravi.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.