Carini: notte di fuoco, piromani in azione :ilSicilia.it

Incendio pure in zona Isnello.

Carini: notte di fuoco, piromani in azione

13 Dicembre 2017

Piromani in azione anche d’inverno, notte di fuoco a Carini: un vasto incendio di origine dolosa partito in località Cozzi Lupo, ha interessato l’aria tra Carini e Montelepre. Già dal pomeriggio di ieri i vigili del fuoco sono intervenuti per spegnere le fiamme, così come gli operatori della Protezione Civile e i Forestali.

L’incendio è stato alimentato dal forte vento di scirocco. Diverse case sono state lambite dalle fiamme. Tanta paura tra gli abitanti della zona.
Per domare le fiamme è stato necessario un super intervento dei vigili che hanno lavorato per ore sulla zona.

Diverse le abitazioni che già dal pomeriggio di ieri sono state lambite dal fuoco. Le fiamme sono state alimentate dal forte vento che a lungo ha soffiato nella zona.

“L’incendio è stato spento a notte fonda – fanno sapere dal comando dei vigili del fuoco -. Sul posto sono intervenute sei squadre, l’ultima è rientrata solo dopo le 4″.
Il sindaco di Carini Giovì Monteleone è stato in contatto tutta la notte con la protezione civile comunale e i vigili del fuoco. “Non si tratta di autocombustione e i delinquenti incendiari non agiscono solo d’estate – ha commentato il sindaco -. I vigili del fuoco e la protezione civile sono intervenuti sin dalle 17 di ieri per cercare di difendere le case dal fuoco”.

Il canadair ieri non si è potuto alzare per la scarsa visibilità. Un altro rogo ha impegnato i vigili del fuoco nella zona di Isnello. Anche in questo caso le fiamme hanno divorato ettari di bosco e le operazioni di spegnimento sono andate avanti tutta la notte. Registrati roghi anche a Montelepre, in contrada Zucco.

 

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“C’è un Uomo Solo al Comando”

Atteso quanto diceva il buon Bracardi quando asseriva che “l’uomo è una bestia”, nella sua bestialità questi sbaglia sempre allo stesso modo, pertanto, la memoria non deve essere soltanto rancorosa, ma deve servire per capire e andare avanti per non commettere gli stessi errori. Il perdono è un'altra cosa.