Carlo Verdone a Palermo presenta "Si vive una volta sola": "Ogni film è un esame" | VIDEO Interviste :ilSicilia.it
Palermo

insieme ad Anna Foglietta e Rocco Papaleo

Carlo Verdone a Palermo presenta “Si vive una volta sola”: “Ogni film è un esame” | VIDEO Interviste

di
18 Febbraio 2020

Guarda le video interviste in alto

Oltre quarant’anni di carriera quelli di Carlo Verdone che continua ad avere qualcosa da dire attraverso quello strumento, la telecamera, che gli ha permesso negli anni di scrivere la storia del cinema, creando personaggi rimasti nella memoria del grande pubblico.

Si vive una volta sola“, nelle sale dal 27 febbraio è il suo 27° film nel quale è regista e attore; con lui Anna Foglietta (Lucia Santilli), Rocco Papaleo (Amedeo Lasalandra) e Max Tortora (Corrado Pezzella).

Carlo Verdone
Carlo Verdone

Oggi purtroppo – ha detto Verdone in conferenza stampa – non c’è più quella poesia che c’era una volta nel cinema e nel fare cinema; ricordo che una volta parlai di questo proprio con Alberto Sordi che, profeticamente mi anticipò quest’epoca poco felice. Io però continuo a fare il mio lavoro con la stessa passione di sempre“.

Sinossi

Il professor Umberto Gastaldi (Verdone) guida una formidabile équipe medica composta dalla strumentista Lucia Santilli (Foglietta), dall’anestesista Amedeo Lasalandra (Papaleo) e dal suo assistente Corrado Pezzella (Tortora): un team di eccellenti professionisti della medicina ma anche e soprattutto un gruppo di insospettabili e implacabili maestri della beffa, sorprendenti nel gioco di squadra e insuperabili nel partorire scherzi spietati, specialmente se la vittima di turno è il loro amico Amedeo.

Ma la vita è piena di sorprese e durante uno sconclusionato viaggio on the road verso i mari del Sud d’Italia – fra incontri surreali, stupefacenti rivelazioni ed esilaranti avventure – i quattro amici inciamperanno in un’esperienza che non dimenticheranno mai, un colpo di scena che potrebbe cambiare per sempre le loro vite.

Perché tutto può succedere se sotto un camice bianco, dietro uno stetoscopio, batte un cuore da adolescente.

Quando ho scritto questo film – ha continuato Verdone – avevo già in mente anche il cast artistico: questo film per me è un obiettivo raggiunto. I giorni di riprese – realizzate in Puglia – sono volate via tra concentrazione e goliardia, come fossimo amici da sempre“.

Ci è sembrato un Verdone in forma, certo sempre con quel velo di malinconia negli occhi, che ormai sono e rimarranno suo personale caratteristica, ma in “Si vive una volta sola” si ritrova, in un buon equilibrio, riflessione e leggerezza amicale.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Squid game: il gioco dell’anno

C'è una serie tv di cui in questi giorni tutti parlano in decine di rubriche, articoli e servizi televisivi: mi riferisco a "Squid Game". Qualcuno ha accostato questa serie all'altro exploit Netflix, la Casa di carta, sia perché entrambe sono diventate un successo mondiale in pochissimo tempo con il solo passaparola
Banner Telegram

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Covid 19… per un nemico in più

Era il 1982, Riccardo Cocciante pubblicava il suo album ”Cocciante” e la canzone di successo fu “Per un amico in più”. In questa canzone il grande Riccardo ci descrive cosa non si fa per un amico in più.

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin