Caro bollette, a Palermo studenti scendono in piazza per protesta :ilSicilia.it
Palermo

sciopero globale

Caro bollette, a Palermo studenti scendono in piazza per protesta

di
23 Settembre 2022

Questa mattina in tutto il mondo si torna in piazza per lo sciopero globale per il clima. Anche a Palermo gli studenti hanno attraversato le strade del centro, da piazza Verdi a piazza indipendenza, dove si trova il palazzo della Regione. La manifestazione è organizzata dal coordinamento Studenti Palermitani e dal collettivo di Ecologia Politica Palermo. 

“Fine del mese e fine del mondo sono la stessa lotta” è questo lo slogan degli studenti palermitani che sono scesi in piazza anche contro l’alternanza scuola-lavoro, che ha ucciso un altro studente pochi giorni fa. 

“Durante questa estate abbiamo avuto un duro assaggio della catastrofe climatica a cui stiamo andando incontro. Per quanto ognuno tenti di trovare la sua singolare soluzione al problema – dal ritorno al nucleare all’autoproduzione di gas – tutti sembrano essere d’accordo su un tema: è tempo per tutti di stringere la cinghia e fare sacrifici per riuscire ad arrivare alla fine del mese. E mentre i politici continuano con le loro false promesse prima delle elezioni e le multinazionali continuano a fare profitti, le nostre bollette arrivano alle stelle” spiega Nicoletta Sanfratello, rappresentante d’istituto dell’Umberto I. 

Urlano che non c’è giustizia climatica senza giustizia sociale, che non è più tempo di chiedere ai governi una reale transizione ecologica ma di lottare per cambiare il sistema. 

“Oggi si scende in piazza anche per Giuliano, studente morto qualche giorno fa in alternanza scuola-lavoro. I responsabili che hanno provocato la morte di Giuliano, e degli altri studenti prima di lui, sono gli stessi che perpetrano il tipo di società e di lavoro che ci stanno portando verso il collasso eco-climatico. Va estirpato questo sistema di valori marcio, dalle sue fondamenta, a partire dai luoghi in cui si formano i giovani. Oggi scendiamo in piazza per questo, per altro, per tutto”continua Giorgio Caruso, rappresentante del liceo scientifico Einstein. 

Manifestazione di protesta nella sede dell’Enel a Palermo. Dopo il corteo per lo sciopero per il clima un gruppo di studenti si è diretto negli uffici in via Marchese di Villabianca, e ha manifestato contro gli aumenti dei costi dell’energia elettrica.

Per noi caro bollette. Per voi profitti alle stelle” così recita lo striscione contro l’aumento del costo delle bollette che sta mettendo in difficoltà moltissime famiglie.

Dicono che questi spropositati aumenti sono dovuti alla crisi energetica, che dobbiamo stringere la cinghia e fare sacrifici – sostengono i manifestanti – Ma non siamo tutti sulla stessa barca e non pagheremo tutti le conseguenze della crisi energetica e climatica. Mentre noi non sappiamo se potremo accendere i riscaldamenti per l’inverno, mentre noi siamo obbligati a chiudere le attività perché non riusciamo a pagare le bollette, a vivere di sacrifici per arrivare a fine mese, le multinazionali come Enel, Eni, Edison, con il benestare dei governi, continuano a profitti, con aumenti del fatturato fino al 700%” .

© Riproduzione Riservata
Tag:

Blog

di Renzo Botindari

Cosa porterei con me nel futuro? Di certo una penna,

In un epoca condizionata dall'uso della videoscrittura o dei messaggi sui social io mi tengo stretto la mia penna a sfera e per questo certo che quando i computer andranno in crac la penna continuerà a scrivere fin quando avrà inchiostro.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Una estate ricca di novità

L'estate è da sempre una stagione in cui i palinsesti delle tv in chiaro sono pieni di repliche di film e programmi tv. Film come Lo squalo, Pretty woman e la saga della Principessa Sissi sono delle presenze quasi costanti nelle programmazioni estive di molte tv