Caro Conte, gli artisti non sono giullari, non fanno soltanto divertire :ilSicilia.it

La frase infelice del presidente del consiglio

Caro Conte, gli artisti non sono giullari, non fanno soltanto divertire

di
14 Maggio 2020

Sulla cultura e sull’arte il Conte-pensiero è andato in scena mercoledì 13 maggio durante la conferenza stampa per spiegare i contenuti del “Decreto rilancio”. Con una frase a dir poco infelice il presidente del Consiglio ha gettato la maschera su ciò che pensa il governo italiano di coloro che vivono di cultura e di arte. “Noi abbiamo un occhio di attenzione per i nostri artisti che ci fanno tanto divertire e ci fanno tanto appassionare”.

Evidentemente, da questa frase pare chiaro come per il governo del Paese gli artisti siano una specie di giullari di corte da esporre ed esibire per il divertimento del potente di turno. Mai frase fu più inappropriata per riferirsi a migliaia e migliaia di lavoratori del mondo della cultura e dello spettacolo che attendevano una risposta alle legittime aspettative dopo oltre sessanta giorni di stop.

Giuseppe Conte, diretta fb, dpcmPassando poi al concreto, quale sarebbe questo occhio di attenzione per gli artisti che fanno così tanto divertire? Un contributo di 600 euro per i mesi di aprile e di maggio previsto nel cosiddetto “Decreto rilancio”. Con buona pace di chi sperava che il presidente Conte parlasse della riapertura dei teatri, della politica culturale per la ripartenza di un settore fermo da mesi, di una strategia complessiva sulla cultura in generale. Niente di tutto questo.

In fondo, se il modello di riferimento è “Il Grande fratello” come si può dar torto al presidente del Consiglio?

Il premier ha, quindi, fatto solo un ultimo riferimento di pochi secondi ad un fantomatico fondo di 50 milioni di euro da destinare alla promozione della cultura e alla digitalizzazione: praticamente, meno di un’elemosina per una nazione come l’Italia, che vive o dovrebbe vivere di cultura. 

Continui così presidente Conte, ma ricordi che c’è poco da divertirsi, da appassionarsi e da ridere con migliaia di famiglie che sono ridotte alla canna del gas e che vorrebbero solo certezze sul proprio futuro.

GIU’ IL VIDEO CON LA FRASE DI CONTE

https://video.sky.it/news/politica/video/conte-per-artisti-che-ci-fanno-divertire-indennita-600-euro-592280

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Zio Mariano era Stabile

Lui era di poche parole e ogni sua frase era una sentenza. Le persiane della sua finestra a balcone sono chiuse e sotto c’è soltanto un via vai di gente che si affanna per farsi notare.

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.