Caro Giusto Catania... attaccati al tram :ilSicilia.it
Palermo

l'affondo di Peppe Nappa

Caro Giusto Catania… attaccati al tram

di
2 Gennaio 2021

Diceva il mitico Jonny Stecchino, a Palermo il vero problema è il traffico.

Tanti sono stati i tentativi e le proposte.

Le targhe alterne, le domeniche senz’auto, le zone pedonali, le zone antismog, le piste ciclabili, le ztl…

Negli anni vari assessori hanno provato a risolverlo, ma senza fortuna. Anzi, ci hanno pure perso la carriera politica.

Ci vorrebbe un genio, uno scienziato del traffico, e mi sa tanto che il preside Giusto Catania non faccia parte di nessuna di queste categorie.

Mi sarei accontentato di un assessore capace di creare una squadra competente, di avere la capacità di entrare in empatia con i palermitani. Invece l’assessore Catania ha preferito imporre le sue idee e soluzioni ai cittadini.

Caro Giusto, con i palermitani bisogna parlare e convincerli.

Non amano i Generali, figuriamoci i vice colonnelli .

Invece il comunista Giusto Catania che fa? Forse memore di strategie della vecchia (e mi sa tanto attuale) Unione Sovietica, impone zone pedonali senza criteri commerciali e servizi, Ztl (Zone a traffico limitato) diurne e notturne, Tram dai costi esorbitanti. Tutto questo litigando con tanti se non con tutti i partiti di minoranza e maggioranza e, guai nei guai ,  toccando le tasche dei cittadini.

Ora dico io, essere simpatico non è un obbligo ma almeno provaci!

A maggior ragione se vuoi fare il sindaco .

Ma ve lo immaginate in campagna elettorale il programma di Giusto Catania?

“Ho trasformato la via Maqueda in zona pedonale piena di bancarelle e Street food”.

“Ho istituito la ZTL diurna e visto l’enorme  successo mi sono inventato quella notturna con relativi costi di pass”.

“Ho voluto e creato le piste ciclabili. Probabilmente qualche strada è diventata ristretta e caotica, forse dalle piste ciclabili passano due biciclette l’ora, ma così gli automobilisti saranno costretti non prendere l’automobile”.

“Sono il più grande sostenitore del tram. È bellissimo vederlo in zona Notarbartolo, nonostante gli ingorghi che crea attorno alla stazione. Un’emozione, nonostante i conti in perenne rosso e le perdite generate all’Amat, che fanno impazzire il presidente Cimino. Adesso, cari palermitani, vi prometto altri Tram. Altre linee in tutta la città ed in primis, udite udite, Via Libertà. Si via libertà, attraversata dal tram!”

Ma i palermitani un sindaco con queste premesse e promesse lo voterebbero?

Cosa potrebbero pensare quei palermitani che non capiscono l’importanza di questo programma?
Caro Giusto, vuoi il tuo Tram? Tienitelo. Anzi… attaccati al Tram.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Blog
di Renzo Botindari

Se non mi mancate per nulla ci sarà un motivo?

Siamo partiti dal “fratelli d’Italia” cantato in coro alle ore 18.00 dai nostri balconi, per giungere oggi al vaffa al vicino di casa non appena si affaccia nel balcone accanto al vostro
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Buona Pasqua

L’Augurio che sicuramente in cuor loro i siciliani si fanno, in occasione di queste festività, è che questa sia l’ultima Pasqua da reclusi e che la prossima si potrà finalmente passeggiare liberamente, ritrovando il gusto dello stare insieme, di rafforzare sentimenti di amicizia, di socialità e di solidarietà
Alpha Tauri
di Manlio Orobello

“Il Paradiso perduto“

Scendeva il crepuscolo mentre l’aereo si accingeva ad atterrare a Punta Raisi. La costa fra Carini e Capo Rama appariva già punteggiata dalle luci dei paesi e delle innumerevoli abitazioni che la costellano e che si riflettevano sempre di più nella cerchia dei monti, man mano che la luce del sole tendeva a scomparire.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin