Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo? :ilSicilia.it

il pungolo del professor Busetta

Caro ministro Carfagna, dove lo trova tutto questo ottimismo?

di
6 Maggio 2021

Cara ministra Mara Carfagna, purtroppo il suo ottimismo non è condivisibile! Lei saprà, spero, le dimensioni delle problematiche siciliane! Lei sa che in Sicilia mancano un milione di posti di lavoro per arrivare al rapporto popolazione occupati dell’Emilia Romagna! E che quindi continueremo a perdere ogni anno 25.000 persone che non troveranno lavoro e che dovranno emigrare?

Le Zes sono ferme per un contrasto tra Regione e Stato sulla nomina dei commissari, di attrazione di investimenti non se ne parla, con il turismo e le 14 milioni di presenze, che sono una sciocchezza per quello che ha la Sicilia, perdiamo opportunità! la Catania Palermo ferroviaria la aspettiamo da anni e non sarà un alta velocità ma una lenta velocità se per 200 chilometri ci vorranno due ore!

Mentre la Palermo-Agrigento è ferma da anni e con il ponte ancora si gioca con un nuovo progetto che ci farà perdere altri 20 anni. E con il Recovery ci hanno sottratto risorse come da anni fa l’Italia fa sostituendo alle risorse straordinarie quelle ordinarie che non arrivano! Temo che non si è cambiato verso e che si cura con l’aspirina un tumore che sta devastando la nostra Isola! Ma il tema è analogo per tutto il Mezzogiorno.

Anche l’incontrò da Lei organizzato non ha rappresentato un cambio di passo, perché si stanno utilizzando le stesse ricette che hanno portato al fallimento di un’area… Ma i meridionali credo che non permetteranno più che si consumi sulla loro pelle e con i loro voti il delitto che ormai da 160 anni si permette: lo spopolamento di un territorio con tradizioni epiche!

© Riproduzione Riservata
Tag:

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin