Caro voli, abusivismo, mancanza di norme: a Travelexpo le criticità del Turismo in Sicilia :ilSicilia.it

IL REPORT DEGLI AGENTI DI VIAGGIO

Caro voli, abusivismo, mancanza di norme: a Travelexpo le criticità del Turismo in Sicilia

di
30 Novembre 2019

Non solo il caro-voli. Per gli agenti di viaggio siciliani sono diverse le criticità che si trova ad affrontare il comparto: dall’allungamento della stagionalità all’abusivismo, alla mancanza della legge sul turismo a cui neanche in questo 2019 che sta per concludersi, si è riusciti a trovare una soluzione.

Per tastare il polso al settore, Travelnostop.com ha intervistato un campione rappresentativo di circa 250 agenti di viaggio, la maggior parte dei quali incontrati direttamente a Catania, Siracusa, Ragusa, Caltanissetta, Agrigento, Trapani e Palermo, sedi delle 7 tappe dell’annuale edizione del Travelexpo Roadshow nell’Isola.

Un’edizione ad alto gradimento in cui il trade siciliano ha avuto l’occasione di incontrare importanti operatori turistici di livello nazionale che non hanno mancato di esprimere apprezzamenti per l’ottimo livello di preparazione e professionalità della categoria siciliana e per l’ottima organizzazione che ha esaltato la qualità degli incontri, rendendo la formula, proposta dalla Logos srl Comunicazione e Immagine, vincente.

Sette workshop in 4 giorni di formazione ed informazione, nonché di aggiornamento e di pianificazione dei rispettivi affari, ma anche di confronto su alcune tematiche ancora irrisolte, a tutela dei propri interessi professionali ed imprenditoriali, ma principalmente a tutela dei propri clienti e più in generale dei consumatori. E le questioni su cui la categoria ha puntato il dito sono il persistere di mancanza di regole certe che alimentano il fenomeno dell’abusivismo e degli abusi diffusi. Ora, però, gli agenti di viaggio dicono di essere stanchi di subire l’enorme pressione fiscale, sobbarcarsi tutte le assicurazioni richieste a garanzia degli utenti, mentre gli abusivi agiscono indisturbati rubando il lavoro di chi opera nel rispetto delle regole.

C’è poi il problema dell’insufficienza dei voli e dell’aumento indiscriminato delle tariffe aeree per raggiungere gli aeroporti di Palermo e Catania da Milano e Roma. Ovviamente il recente annuncio da parte di Alitalia del potenziamento dei voli in occasione del periodo natalizio appare il classico brodino da somministrare al malato grave. È diffuso il disagio e la disaffezione da parte degli agenti di viaggio nei confronti di Alitalia, dalla quale si sentono traditi avendola sostenuta nei momenti di maggiore difficoltà e più in generale dei vettori aerei che, a loro dire, non tengono conto delle richieste della categoria, anche a tutela dei passeggeri.

Il caro ticket – dicono gli agenti di viaggio – ha raggiunto tariffe impensabili penalizzando così il traffico sociale e quello turistico, alimentando la percezione di un’Isola cara ed impossibile da raggiungere. La Sicilia viene considerata un bancomat per le compagnie aeree che approfittano della condizione a loro favorevole. In mancanza dei treni ad alta velocità, privilegio riservato al Continente, il volo resta l’unica alternativa.

Toti Piscopo
Toti Piscopo

Soffre anche la Sicilia turistica. Nonostante le temperature, in autunno siano state quasi sempre di 20 gradi, comunque non si potrebbe fare affidamento sulle grandi strutture ricettive di riferimento che, nel periodo invernale, effettuano la chiusura stagionale anche in località come Taormina.

“E così – è lo sfogo degli agenti di viaggio – si continua a parlare tanto di destagionalizzazione, o come si usa dire oggi di allungamento della stagionalità. Ma restano parole in mancanza di progetti e di una visione strategica, al pari dei tanti altri problemi segnalati e mai affrontati”.

“Temi caldi che continueremo ad affrontare su Travelnostop.com e su cui promuoveremo un confronto – conclude Toti Piscopo, amministratore della Logos srl Comunicazione e Immagine – in occasione di Travelexpo, la Borsa Globale dei Turismi la cui ventiduesima edizione si svolgerà nel 2020 dal 3 al 5 aprile, come sempre nel Village Resort Città del Mare di Terrasini nell’area metropolitana di Palermo”.

 

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.