Caro voli, il governo dimentica la Sicilia: "Ci stiamo ancora lavorando" | ilSicilia.it :ilSicilia.it

le parole del viceministro cancelleri

Caro voli, il governo dimentica la Sicilia: “Ci stiamo ancora lavorando”

di
4 Giugno 2020
Biglietto Alitalia Milano- Palermo

Il governo Musumeci apre le porte ai turisti in Sicilia ma è sempre presente in modo inesorabile il problema del caro voli per l’isola. Il covid-19 ha di fatto svuotato aeroporti e azzerato i voli di linea. Numerose sono state le tratte cancellate a causa del coronavirus. Ma con le nuove disposizioni che allentano le maglie della quarantena e delle restrizioni territoriali, per chi vuole tornare a casa o per chi vuole trascorrere un weekend nella nostra Isola si presenta questo grosso problema economico.

La soluzione è a portata di mano per i biglietti con partenza dopo due tre mesi dall’acquisto. Nulla ancora per i ticket acquistabili senza una prenotazione con lungo anticipo.

Il viceministro alle Infrastrutture Giancarlo Cancelleri prima dell’emergenza Covid-19 aveva promesso “Prima dell’estate saremo pronti per la prima tariffa sociale”. “Sono 25 milioni di euro per il 2020 per quattro categorie sociali particolarmente svantaggiate: studenti fuori sede, lavoratori fuori sede, i disabili gravi e gravissimi e – affermava Cancelleri ai giornalisti mesi fa – tutte quelle persone che si vanno a curare fuori perché qui non trovano lo stesso standard di prestazioni. A loro lo Stato vuole stare vicino e vuole in qualche modo far capire che la Sicilia non è più una terra di isolati ma di isolani. Per quanto riguarda le modalità stiamo pensando a una pagina dedicata sul portale dell’Enac dove il cittadino che appartiene ad una di quelle categorie lo deve dimostrare, per cui caricherà i documenti necessari, e a quel punto, verrà registrato e riconosciuto e gli sarà fornito un codice di sconto“. Parole pronunciate mesi fa, prima della pandemia che ha bloccato tutto. Così il progetto si è bloccato e oggi la ‘continuità territoriale’ sembra un miraggio per migliaia di ragazzi e lavoratori che voglio tornare in Sicilia per il periodo estivo.

Se l’è cavata meglio chi, per lungimiranza o per fortuna, si è trovato a possedere un biglietto aereo prima del lockdown o ad averlo acquistato in momenti di incertezza, mentre, per chi si è trovato a prenotare nei giorni scorsi o lo sta facendo adesso, il dover sborsare centinaia di euro a tratta è una triste certezza.

Ma il viceministro non ha dimenticato il progetto ed afferma a ilSicilia.it :“In merito al progetto ci stiamo ancora lavorando. Sino a ieri  (3 giugno, data di riapertura della Sicilia, ndr) non viaggiava nessuno”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

Docenti indecenti

Noi docenti siamo dei ladri: abbiamo tre mesi di vacanza in estate, rubiamo lo stipendio anche durante le vacanze di Natale e di Pasqua, per
Blog
di Renzo Botindari

“Sulle Rive del Don”

Per noi bambini, lui aveva il potere “di vita e di morte” sul marciapiede davanti la portineria, all'epoca tutti i portieri erano dei "Don", oggi sostituiti da un videocitofono.
Blog
di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.