Carol Maltesi, Sabrina Quaresima e la "lettera scarlatta" al tempo dei social :ilSicilia.it

Gogna mediatica

Carol Maltesi, Sabrina Quaresima e la “lettera scarlatta” al tempo dei social

di
4 Aprile 2022
Da progressisti a puritani in versione social è un attimo. Ci consideriamo evoluti, eppure alcuni pregiudizi sono talmente radicati che riemergono anche senza che ce ne accorgiamo. Nei giorni scorsi abbiamo scoperto che nella nostra comunità non tutte le vittime di femminicidio sono uguali. Scopriamo anche che quando una donna fa scelte consapevoli si trasforma in “colpevole di autodeterminazione”. Ci sono due storie di donne, molto diverse, accomunate da  una sorta di “lettera scarlatta” 2.0.

 

GOGNA SOCIAL

La gogna social ha sostituito il patibolo reale sul quale dal ‘600 all’800 i puritani d’America facevano salire le adultere e le peccatrici esponendole con la lettera A al ludibrio della folla (quando non le frustravano o impiccavano). La lettera A colore scarlatto, cucita negli abiti, era il segno della punizione, da rendere visibile per sempre.

Tre secoli dopo c’è la gogna social-mediatica, che è un tritacarne da quale Carol Maltesi non potrà difendersi, Sabrina Quaresima per fortuna sì.

Carol Maltesi è stata uccisa. Carol è il nome, Maltesi è il cognome. Una donna bellissima e giovane, con un figlio, sogni, progetti, rimpianti e speranze.

Eppure non appena ritrovato il corpo fatto a pezzi Carol Maltesi è diventata mediaticamente “la” (nome) “pornostar” (cognome). Cito un titolo a caso delle prime ore: “Cadavere a pezzi, è di Charlotte Angie, madre e attrice hard”. Gli altri titoli sono più o meno simili, Carol è per tutti Charlotte e lei è  “star del porno”.

IL FEMMINICIDIO

Davide Fontana le ha tolto la vita, noi le abbiamo tolto il diritto alla sua identità. Ed è raccapricciante quello che si è letto sui social nelle ore immediatamente successive alla confessione del suo assassino. Ribadisco, si chiamava Carol Maltesi e negli ultimi due anni aveva fatto una scelta, quella di girare video hard con un altro nome. Il suo è un femminicidio nel senso più terrificante e profondo del termine. Non ha nessuna attenuante e non è diverso in nessun elemento dagli altri femminicidi. Lei non è stata uccisa “PERCHE’” faceva filmati hard. Il suo assassino aveva avuto una relazione con lei, poi la donna gli ha confidato di voler andare a vivere vicino al figlioletto e lui, armato di martello e di senso cavernicolo del possesso l’ha uccisa. Come tutti i femminicidi. Però, se mai un giorno quel figlioletto diventato adulto dovesse andare a cercare come la mamma è morta troverebbe altro. Anche quel fango venuto fuori come un fiume di odio di una società frustrata, ipocrita e malata di voyeurismo.

Se Carol Maltesi avesse continuato a fare la commessa come faceva fino al 2020 e avesse comunicato a Fontana la decisione di andare a vivere dal figlioletto, lui l’avrebbe uccisa ugualmente ma nessuno avrebbe messo Carol detta “X” o titolato “madre e commessa”.

Il messaggio sotterraneo è: se fai determinate scelte di vita potrebbero anche dirti che te la sei cercata (e qualcuno lo ha pure scritto).

Quella lettera scarlatta mirabilmente raccontata nel romanzo di Hawthorn e dal film, noi l’abbiamo semplicemente nascosta con l’ipocrisia. Carol è uguale a tutte le donne uccise. Qualsiasi mestiere stava facendo in quel momento. Non è l’abito che fa la vittima, e questa cosa purtroppo è un pregiudizio che in Italia è ancora radicato.

LA GOGNA PER QUARESIMA

Sulla gogna della lettera scarlatta c’è un’altra donna. Si chiama Sabrina Quaresima ed è per tutti “la preside”, diventata suo malgrado protagonista di una vicenda che ci riporta al clima dei film degli anni ’80 di Pierino e simili. Nelle infinite versioni di quel genere per lo più la peccaminosa era la supplente e quasi mai la professoressa di ruolo (che invece appariva rotondetta, anzianotta e con gli occhiali).

Sabrina Quaresima è una bella donna, poco più di 50 anni, che, divenuta preside del liceo, ha preso decisioni di tipo organizzativo, esautorando anche alcune figure e probabilmente creandosi inimicizie. Come ogni persona che ha un ruolo di vertice si assume le responsabilità delle decisioni. E’ autoritaria, determinata, ben curata, ama vestire in modo non anonimo. Nell’Italia progressista verrebbe definita una donna consapevole, in carriera ed affermata.

STRABISMO MEDIATICO

Poi scoppia il caso. E viene massacrata mediaticamente non nel ruolo che ricopre, ma come donna.  Per motivi professionali legati all’occupazione dell’istituto scolastico, conosce e dialoga con il rappresentante degli studenti che apre uno spiraglio ad una soluzione pacifica della protesta. Lo studente ha 19 anni. Hanno modo d’incontrarsi e discutere anche per telefono e via chat. Non sappiamo realmente cosa succede tra i due nelle settimane seguenti. Invece da un paio di giorni, da quando Sabrina Quaresima è accusata di aver avuto una relazione con lo studente, siamo tutti a guardare dal buco della serratura la storiella come se fosse il famoso film di Pierino.

Del ragazzo, che a 19 anni non è proprio un adolescente imberbe, non si conosce il nome a massima tutela della SUA privacy. Sappiamo che a un certo punto ha raccontato ai compagni qualcosa sui rapporti tra lui e la preside. La storia finisce all’attenzione dei professori dello studente (anche di quelli che avevano motivi di malcontento nei confronti della preside), poi dei genitori, e degli ispettori dell’ufficio scolastico regionale. Infine viene a conoscenza di tutta Italia che ogni giorno non vede l’ora di apprendere un dettaglio piccante in più.

LE CHAT DEL PECCATO

Fin quando (probabilmente troppo tardi) non è intervenuto il Garante della privacy che si è accorto dello strabismo mediatico e ha vietato la pubblicazione delle chat tra lei e lo studente.  In questo momento non ci sono prove di una relazione sessuale tra i due ma il paradosso è che noi potremmo sapere cosa si sono detti due adulti in privato (e magari riderne o scandalizzarci) persino prima e a prescindere da qualsiasi inchiesta o accertamento disciplinare. In barba al codice della privacy, al Garante, alla deontologia.

Posto che sul piano disciplinare se sono state commesse irregolarità e illeciti saranno presi provvedimenti ed allo stesso modo se ci sono stati reati, val la pena ricordare che entrambi, professoressa e studente, sono maggiorenni. La preside qualora vengano accertate responsabilità ne risponderà ma nel frattempo la sua carriera è in frantumi ed anche la sua vita privata (è sposata). Gli studenti del liceo hanno tappezzato la scuola di frasi contro di lei e immagino già qualora venisse trasferita con quale ironia e ammiccamenti sarebbe accolta nella prossima scuola. A nulla varrebbe l’esito delle indagini anche qualora si scoprisse come lei dice che non c’è stata alcuna relazione perché la regola della gogna social è: ha ragione chi sputa per primo.

Sabrina Quaresima raccoglierà i cocci (sia che sia innocente sia che sia colpevole) per tutto il resto della sua vita.Mi chiedo cosa sarebbe successo a parti invertite. Se il filmetto anni ’80 fosse stato “il preside e la studentessa”. Siamo il Paese che ha dibattuto sulla fake news di Silvio Berlusconi (85 anni) e la sua sposa-simbolica Marta Fascina (32 anni) forse in attesa di un erede (con tanto di articoli e smentite). Siamo assuefatti a non battere ciglio sul mezzo secolo di vita che intercorre tra l’uomo con posizione di potere e la donna che potere non ne ha.

Se il caso avesse riguardato il preside e la studentessa ad essere saccheggiato sarebbe stato il profilo facebook di lei. La gogna avrebbe riguardato i suoi selfie, il suo modo di vestire, di truccarsi, il complesso di Elettra etc etc. Perché in fondo, anzi, non troppo in fondo, restiamo quei puritani che nel 1800 mettevano sul petto delle donne la lettera scarlatta. Ho scritto donne e non peccatrici non a caso.

© Riproduzione Riservata
Tag:

Se sei donna

di Mila Spicola

Tre donne siciliane che hanno fatto la Storia

Conosciamo in tanti la storia di Franca Viola, di Alcamo, che nel 1968, appena diciottenne, sostenuta dalla sua famiglia, rifiutò un matrimonio riparatore, diventando un simbolo della crescita civile dell'Italia nel secondo dopoguerra e dell'emancipazione delle donne italiane.

Blog

di Renzo Botindari

Dopo Tanta Primavera è Giusto che Giunga l’Estate

Gli uomini invecchiano. I tempi cambiano e risulta naturale, necessario, saggio il cercare di andare avanti. Occorre metabolizzare i buoni e soprattutto i cattivi momenti, ma per evitare muri, divisioni ideologiche o di principio, non bisogna avere paura dell'alternanza e della necessità di dare una chance a chi vuole guadagnarsela sul campo. Nessuno è custode della verità assoluta.

Fenomeno serie tv

di Michele Lombardo

Remake e Reboot: un fenomeno in crescita

Non è certo un fenomeno nuovo, ma negli ultimi anni con l'avvento delle piattaforme streaming e il conseguente aumento della produzione di serie tv, i remake e i reboot ( in italiano rifacimento e riavvio) sono diventati molto frequenti. La differenza tra i due termini è sostanziale:

In Primis la Sicilia

di Maurizio Scaglione

Vota e fai votare…. ma pensa con la tua testa

Vi ricordate quando, parliamo anni 60 e 70 , durante il periodo elettorale,  passavano per i quartieri le vecchie Fiat 600 con il megafono montato nel portabagagli sul tetto e gridavano con voce decisa, vota e fai votare Pinuccio Tal dei tali, per il tuo futuro , per il futuro dei tuoi figli, per il lavoro

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Il colpo di mano sull’autonomia differenziata

Subdolamente con un inserimento nella legge di bilancio sta passando l’autonomia differenziata. Si tratta di un collegato alla legge di bilancio fatto passare nella notte che sta riportando il tema dell’autonomia in corsa per essere approvato.

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Blog

di Alberto Di Pisa

Democrazia diretta e indiretta

Di recente Grillo ha dichiarato di non credere in una forma di rappresentanza parlamentare ma nella democrazia diretta citando in proposito il referendum come il massimo dell’espressione democratica.