Caronte & Tourist, le nuove sfide del gruppo :ilSicilia.it
Messina

L'azienda punta ad entrare in Borsa

Caronte & Tourist, le nuove sfide del gruppo [VIDEO]

di
18 Dicembre 2017

La “Cartour Delta” ormeggiata al Molo Norimberga di Messina ha ospitato lunedì mattina il primo meeting dei dipendenti della Caronte & Tourist, un incontro voluto dai vertici della compagnia di navigazione con tutto il proprio personale, a pochi giorni dal Natale, per fare il punto sulle molteplici attività e l’impegno quotidiano di una un’azienda simbolo di Messina ma che da tempo ha ormai ampliato il suo raggio di navigazione oltre le acque dello Stretto per diventare una moderna realtà leader nei servizi di trasporto nel Mediterraneo. Caronte & Tourist, punto di riferimento nei collegamenti via mare per il centro e il sud Italia, può contare infatti oggi su 1200 dipendenti ed ha raggiunto un fatturato che supera i 200 milioni di euro. E la “grande famiglia” della Caronte & Tourist si è così riunita in questa vigilia di Natale per un momento di incontro tra i massimi responsabili della compagnia e le maestranze che scrivono la storia quotidiana dell’ente, in un contesto di costante ricerca della modernizzazione e delle soluzioni all’avanguardia, per rispondere alle trasformazioni del mercato dei trasporti marittimi.

Sono intervenuti al meeting tutti i rappresentanti della governance del Gruppo “Caronte & Tourist”, dei tre comparti: la Caronte Spa, Tourist Ferry Boat Spa e Caronte & Tourist Spa. Al tavolo c’erano il presidente della Caronte & Tourist Spa, Antonino Repaci, l’ing. Vincenzo Franza (presidente di Caronte & Tourist Isole Minori), la dott.ssa Olga Mondello Franza (presidente vicario), Lorenzo Matacena (presidente Caronte & Tourist – Cabotaggio), Pietro Franza (vicepresidente del settore Cabotaggio del Gruppo Caronte & Tourist Spa), Edoardo Bonanno (amministratore delegato del settore Isole Minori), Calogero Famiani (amministratore delegato Caronte & Tourist Spa), il dott. Massimo La Cava (vicepresidente della divisione Isole Minori), Tiziano Minuti, Rosario Donato e Luigi Denghi (amministratore delegato del settore Cabotaggio).

“Ho seguito nel tempo tutte le vicissitudini, le vicende ed anche i momenti avvincenti della Caronte & Tourist – spiega il presidente Repaci -. Questo primo meeting con i dipendenti, che diventerà un appuntamento annuale, mi inorgoglisce ed ha avuto la migliore platea possibile perché ci siamo incontrati con tutti i nostri lavoratori che ogni giorno portano avanti con grande impegno e spirito di sacrificio la compagnia. Abbiamo sempre operato nel rispetto delle regole, dell’ambiente e delle persone e proprio in questa fase stiamo progettando la prima nave italiana a gas“. “Io mi sento un uomo del passato vista la mia età  – ha aggiunto Repaci – ma cerco di dare il mio contributo per il futuro e noi d’altronde abbiamo sempre guardato avanti, cercando di prevenire le cose. Abbiamo un sogno, la quotazione in Borsa e io personalmente spero che si realizzi. E’ molto difficile entrare nell’elite dei capitalisti italiani ma ci stiamo impegnando per questo e sono fiducioso che potremo raggiungere questo obiettivo”. 

“Questo primo meeting di tutto il gruppo arriva a conclusione di un anno molto impegnativo – ha detto Vincenzo Franza, presidente della Caronte & Tourist Isole Minori –. L’azienda ormai si è specializzata in più rami, lo Stretto, le autostrade del mare e le isole minori con l’avvenuta incorporazione nel ramo d’azienda della ex Siremar. Siamo in tanti e un momento di incontro come questo è molto utile. Abbiamo raccolto la sfida proprio della ex Siremar che ha una grande storia ma con un presente inadeguato, le navi che erano ormai anziane e da tanti anni confinata in una situazione di incertezza. Stiamo investendo per i prossimi anni con delle motivazioni forti e con tanta attenzione, con un programma di rinnovo della flotta per avere delle navi non solo nuove ma specializzate ed adattate alle nostre rotte, per garantire la continuità territoriale anche con le isole minori. Il 2018 sarà un anno altrettanto importante cui tenteremo di mettere le basi per sviluppare un lavoro ancor più eccellente in vista del prossimo decennio”.

Il meeting di queste ore ha unito tutte le anime della compagnia che hanno evidenziato la volontà di guardare ai prossimi anni con una sinergia sempre più consolidata. Sono trascorsi ormai 14 anni da quando nel 2003 avvenne la fusione delle due storiche società di trasporti marittimi, la calabrese Caronte e la siciliana Tourist Ferry Boat, che diede vita alla Caronte & Tourist S.p.A. Il Gruppo in questi ultimi anni ha ampliato e diversificato la propria attività, espandendola dal traghettamento sullo Stretto di Messina al cabotaggio sulla linea Messina/Salerno (tramite la Cartour S.r.l.) e sulla tratta Napoli/Catania (con l’acquisizione della New TTT Lines). È presente anche nei collegamenti con le isole minori con la NGI, la Maddalena Lines e con il comparto navi della Siremar, storica società del trasporto marittimo siciliano recentemente acquisita, attraverso la partecipata Caronte & Tourist Isole Minori. Il percorso di crescita e i successi di questi anni diventano, dunque, un nuovo punto di partenza per “Caronte & Tourist” in vista del 2018, per migliorare gli standard di percorrenza e confermando la sicurezza dei passeggeri come punto cardine delle attività della compagnia, le cui imbarcazioni vengono tutte costruite nei cantieri italiani. All’orizzonte già si affacciano nuove sfide e, come detto, una tra le tante sarà quella che ha inteso prevedere la costruzione di una nuova nave alimentata a LNG (gas naturale liquefatto). Tutto all’insegna di una storia che guarda al futuro con rinnovate ambizioni e con la forza della condivisione d’intenti tra i vertici del gruppo e tutto il personale che ha preso parte al primo meeting nello splendido scenario della “Cartour Delta”.

© Riproduzione Riservata
Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Il Gatto Obeso e le ZTL

Il gatto obeso e sazio non avrà mai stimoli a sforzarsi per andare a cercare i topi. Quindi non ho aspettative da “nuovi soldati”, sono siciliano e vivo a Palermo e dietro a nuovi volti mi farò la domanda più importante: “a cu appartieni?”
Come se fosse Antani
di Giovanna Di Marco

La ddraunàra: i racconti di Silvana Grasso

È disponibile dal 16 luglio La ddraunàra, la raccolta di racconti di Silvana Grasso, a cura di Gandolfo Cascio ed edita da Marsilio che ripubblica così due opere, Nebbie di ddraunàra (Le Tartarughe 1993) e Pazza è la luna (Einaudi 2007).

I giannizzeri

A partire soprattutto dal 1850, il controllo del territorio in Sicilia diviene sempre più arduo per la gendarmeria borbonica. Gruppi armati dediti al malaffare, bande e banditi, nonostante l’inasprimento delle pene – il ricorso all’esecuzione diretta era prassi ordinaria - percorrevano senza molti contrasti le campagne siciliane e rendevano difficile garantire la sicurezza.
. Rosso & Nero .
di Elio Sanfilippo

Palermo fa acqua da tutte le parti, Orlando cambi tutto o si dimetta

I cittadini sono sommersi dall'immondizia, intere zone trasformate in discariche, lavori stradali che non finiscono mai, servizi pubblici che non funzionano, fino allo scandalo dei cimiteri dove non si capisce perché non si sono avviate le procedure per la costruzione del nuovo cimitero previsto dal piano regolatore.
Segreti e non misteri
di Alberto Di Pisa

Mafia e antimafia

Dovendo parlare di mafia ed antimafia non si può non andare con la mente al 10 gennaio 1987 allorquando Leonardo Sciascia rilasciò una intervista al Corriere della Sera parlando di professionisti dell’antimafia
Wanted
di Ludovico Gippetto

L’archeologia del “Do not cross” come tutela

Rubare nei siti archeologici è gravissimo. Un argomento molto caro all’archeologo Sebastiano Tusa, fermo sostenitore del principio del "Do not cross". Dove gli oggetti antichi vanno guardati ma non decontestualizzati rispetto all’ambiente di provenienza.
CapitaleMessina
di Gianfranco Salmeri

Dopo la pandemia non sarà mai come prima

Dopo una crisi così devastante come quella che stiamo superando, le cose non potranno tornare mai come prima, e non è neanche bene che ciò avvenga. Una riflessione sulla fase 2 dell'emergenza coronavirus di Gianfranco Salmeri.