Cartabellotta da direttore del dipartimento Pesca a quello dell'Agricoltura | Video intervista :ilSicilia.it

Fa il punto della situazione

Cartabellotta da direttore del dipartimento Pesca a quello dell’Agricoltura | Video intervista

17 Maggio 2019

 

Guarda in alto la video intervista

Ospite della redazione de ilSicilia.it Dario Cartabellotta, neodirettore del dipartimento Agricoltura della Regione siciliana.

Cartabellotta per ben cinque anni è stato alla guida del dipartimento Pesca, un percorso segnato da successi indiscussi, tra i risultati che porta a casa quello della riapertura della tonnara di Favignana, ferma dal 2007, che garantisce all’azienda Castiglione di poter riprendere la pesca del tonno, una risposta che dà speranza al territorio intero “Una grande soddisfazione perché era considerata un traguardo impossibile  – dice lo stesso Cartabellotta – raggiunto in due fasi: prima con la ripresa dell’attività turistica dell Tonnara e poi la ripresa produttiva, proprio la scorsa settimana sono usciti i primi tonni, e questa tonnara consente una pesca sostenibile e soprattutto ha un forte collegamento con l’attività turistica. Per noi non è semplicemente un prodotto ittico ma fa parte della cultura della tonnara stessa e questo consente a tutto il sistema delle tonnare siciliane di tornare a rivivere non solo sul piano produttivo ma proprio sul piano culturale“.

Ma in questi cinque anni non si possono non ricordare due personaggi chiave della blue economy, Giovanni Tumbiolo, presidente del Distretto pesca e crescita blu e l’assessore regionale alla Cultura, Sebastiano Tusa, recentemente scomparso, fondatore della Soprintendenza del Mare “Si tratta di due grandi uomini della nostra Sicilia che hanno tracciato un importante percorso e quelle idee che camminano sulle gambe degli uomini. Giovanni Tumbiolo ha diffuso un’idea della pesca fondata sulla blue economy che si continua a discutere in particolare per la tutela del Mediterraneo, Sebastiano Tusa ha lasciato il registro delle identità del mare, dei borghi marinari e della pesca mediterranea, con una visione antropologica della Pesca stessa“.

Oggi Dario Cartabellotta torna al dipartimento dell’Agricoltura, che ha guidato già come direttore ma anche come assessore, quindi, la persona giusta al posto giusto, visto che già ne conosce le dinamiche “Obiettivo lavorare per le imprese, partendo dall’assunto che in agricoltura tutto il tessuto produttivo va rispettato, questo credo che sia uno degli elementi più importanti per dare risposte e risultati alla Sicilia“.

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

Sembra facile?

"A volte sentire parlare la massa ti mette nelle condizioni di dover contare fino ad un milione per non esplodere in violente risposte davanti a palesi affermazioni ipocrite o davanti alle omissioni". Dal blog Epruno, di Renzo Botindari
LiberiNobili
di Laura Valenti

Caino e Abele

L’odio tra fratelli genera nei genitori un forte dispiacere. Si chiedono: “dove abbiamo sbagliato?”. Trovare il colpevole non serve a risolvere la questione. Provate a studiare una soluzione di compromesso e, se non trovate terreno fertile, considerate le ragioni divine di questo impasse.
Sanità in Sicilia
di Salvatore Corrao

Cos’è la Medicina interna e perché può essere una risorsa per il Sistema sanitario nazionale

Un grande maestro il professore Giacinto Viola scriveva sul suo trattato di Medicina Interna del 1933: “in Clinica tutto è improvvisazione, caso per caso, e gli ammalati così diversi sempre, anche quando hanno la stessa malattia, sono poi così mobili nei loro sintomi e fatti obiettivi, che spesso ciò che di essi si dice alla sera non è più vero al mattino”. 
Wanted
di Ludovico Gippetto

“I vestiti nuovi” della dea di Morgantina

Il caso della famigerata dea di Morgantina, ritornata in Sicilia nel 2011 dopo una lunga trattativa con uno dei più grandi musei del pianeta: il J. Paul Getty Trust di Malibu, in California.
Rosso di sera
di Elio Sanfilippo

Il 25 aprile festa della libertà tra memoria e impegno

Anche quest’anno la ricorrenza del 25 aprile non è immune da polemiche insulse e pretestuose che puntano a delegittimare e a ridimensionare la portata storica di quel straordinario avvenimento che fu la Resistenza, quel grande movimento di popolo che restituì agli italiani la libertà e cancellò la vergognosa pagina del fascismo.