Caso Amat, scontro a Palazzo delle Aquile, minoranze: "La (pseudo) maggioranza è responsabile di avere rotto i rapporti" :ilSicilia.it
Palermo

la maggioranza ha abbandonato la conferenza dei capigruppo

Caso Amat, scontro a Palazzo delle Aquile, minoranze: “La (pseudo) maggioranza è responsabile di avere rotto i rapporti”

di
19 Luglio 2019

Bagarre a Palazzo delle Aquile, infatti, la maggioranza del sindaco, Leoluca Orlando avrebbe abbandonato la conferenza dei capigruppo secondo quanto affermato dalle minoranze “Tale comportamento rappresenta un grave atto di scorrettezza istituzionale e avrà conseguenze nei rapporti fra le forze di maggioranza ed opposizione“.

Argomento di discussione doveva essere la vicenda che riguarda l’Amat spa e la conseguente emanazione del bando per l’assunzione di 100 autisti “Tale bando andrebbe ritirato poiché emanato in assenza di qualsivoglia piano di risanamento e del fabbisogno aziendale i quali vanno approvati dalla giunta comunale” continuano le minoranze.

La (pseudo) maggioranza è responsabile di avere rotto i rapporti di collaborazione con la minoranza. Da mesi le attività e le deliberazioni poste in essere dal Consiglio Comunale si sono potute porre in essere grazie ai numeri garantiti dai gruppi di opposizione. Ma adesso il comportamento assunto dai gruppi di maggioranza non potrà non avere ricadute sui già fragili equilibri del Consiglio Comunale“, aggiungono.

Il sindaco prenda atto che in questa città non può più contare su una maggioranza in consiglio; lo invitiamo, inoltre, visto il suo singolare silenzio su una vicenda così importante, di prendere una posizione rispetto a quello che, a parere della minoranza, risulta essere un atto illegittimo“, concludono.

LEGGI ANCHE:

Palermo, clamoroso “pasticcio” dell’Amat: il bando per 100 autisti sarà ritirato

Amat: pubblicato il bando per l’assunzione di cento autisti

© Riproduzione Riservata
Tag:

La GiombOpinione

di Il Giomba

La “Maleducazione 2.0”

Se è vero che i tempi cambiano, anche le cattive abitudini educative diventano tecnologiche e "2.0": anche la maleudcazione, insomma, diventa "moderna"...

Fuori dal coro

di Pietro Busetta

Classe dominante estrattiva

Nel mio ultimo saggio intitolato il lupo e l’agnello, pubblicato da Rubbettino, nelle librerie dal 1 luglio, tra i motivi del mancato sviluppo del Sud metto in evidenza quello della presenza di una classe dominante estrattiva

Blog

di Renzo Botindari

Quella celestiale melodia in “LA”

Il presenzialismo non finalizzato ad alcuna crescita è una opportunità sprecata, ecco perché trovo piacere di ospitare chi sappia apprezzare il valore del “regalo”.
Banner Telegram

Alpha Tauri

di Manlio Orobello

Il Re traditore

Il 2 giugno 1946, con la proclamazione della Repubblica Italiana veniva scritta la parola fine alla monarchia e con essa alla guida dello stato  da parte della casa Savoia.

Rosso di sera

di Elio Sanfilippo

La Repubblica compie 75 anni!

Una delle cause principali delle difficoltà in cui versa il Paese, segnato da uno sbandamento anche morale, da una involuzione culturale e civile, nasce sicuramente dall’avere smarrito il senso di questa data, da un affievolirsi dei valori che sono stati alla base della nascita della Repubblica
Banner Italpress

Segreti e non misteri

di Alberto Di Pisa

Lincoln come Kennedy, il potere dei soldi

Il 14 aprile 1865, Abramo Lincoln, sedicesimo presidente degli Stati Uniti, fu assassinato raggiunto da un proiettile calibro 44 sparatogli alla testa da un sicario. fu ucciso mentre, dal palco presidenziale, assisteva alla commedia musicale Our American Cousin