Caso Amat, scontro a Palazzo delle Aquile, minoranze: "La (pseudo) maggioranza è responsabile di avere rotto i rapporti" :ilSicilia.it
Palermo

la maggioranza ha abbandonato la conferenza dei capigruppo

Caso Amat, scontro a Palazzo delle Aquile, minoranze: “La (pseudo) maggioranza è responsabile di avere rotto i rapporti”

19 Luglio 2019

Bagarre a Palazzo delle Aquile, infatti, la maggioranza del sindaco, Leoluca Orlando avrebbe abbandonato la conferenza dei capigruppo secondo quanto affermato dalle minoranze “Tale comportamento rappresenta un grave atto di scorrettezza istituzionale e avrà conseguenze nei rapporti fra le forze di maggioranza ed opposizione“.

Argomento di discussione doveva essere la vicenda che riguarda l’Amat spa e la conseguente emanazione del bando per l’assunzione di 100 autisti “Tale bando andrebbe ritirato poiché emanato in assenza di qualsivoglia piano di risanamento e del fabbisogno aziendale i quali vanno approvati dalla giunta comunale” continuano le minoranze.

La (pseudo) maggioranza è responsabile di avere rotto i rapporti di collaborazione con la minoranza. Da mesi le attività e le deliberazioni poste in essere dal Consiglio Comunale si sono potute porre in essere grazie ai numeri garantiti dai gruppi di opposizione. Ma adesso il comportamento assunto dai gruppi di maggioranza non potrà non avere ricadute sui già fragili equilibri del Consiglio Comunale“, aggiungono.

Il sindaco prenda atto che in questa città non può più contare su una maggioranza in consiglio; lo invitiamo, inoltre, visto il suo singolare silenzio su una vicenda così importante, di prendere una posizione rispetto a quello che, a parere della minoranza, risulta essere un atto illegittimo“, concludono.

LEGGI ANCHE:

Palermo, clamoroso “pasticcio” dell’Amat: il bando per 100 autisti sarà ritirato

Amat: pubblicato il bando per l’assunzione di cento autisti

Tag:
Epruno - Il meglio della vita
di Renzo Botindari

“C’è un Uomo Solo al Comando”

Atteso quanto diceva il buon Bracardi quando asseriva che “l’uomo è una bestia”, nella sua bestialità questi sbaglia sempre allo stesso modo, pertanto, la memoria non deve essere soltanto rancorosa, ma deve servire per capire e andare avanti per non commettere gli stessi errori. Il perdono è un'altra cosa.